Cloo domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 22/07/2015

Milano

Quando tutto diventa un caos, mia madre ha un tumore

Mi chiamo Claudia ho 20 anni, scrivo a voi perchè in passato ho avuto attacchi di panico al punto di non riuscire più a uscire di casa ma col sostegno del mio ragazzoe e delle amicizie sono riuscita a "migliorare la situazione".
Per un arco di tempo le cose sembravano migliorate.
Un giorno torno a casa e scopro che mia madre ha un tumore all'utero da lì tornano le mie preoccupazioni le mie paure.
Mia mamma mi ha sempre trasmesso positività e per me lei è fondamentale nella mia vita, ha iniziato cosi il suo ciclo di chemio purtroppo le cose sono andate sempre peggio, la mia famiglia ha sofferto ma nonostante questo, continuavo a fare la mia vita andare a scuola e fare la patente.
Sfortunatamente la scuola sono stata bocciata, la patente pure e nello stesso periodo é morto mio nonno(padre di mia madre).
È difficile per me poter esternare tutte queste cose mi sono sentita una fallita a non essere riuscita a ottenere quello che volevo e mi sono sentita anche un dispiacere come figlia.
è dura essere compresa dal resto delle persone! Per mesi ho fatto fatica a mandare giù il cibo non riesco ad uscire fino a tardi oppure non riesco a stare dietro in macchina nei sedili posteriori per paura di morire e anchr facevo fatica a deglutire pensando di strozzarmi o mi sento il cuore a mille come se stesse per succedermi qualcosa mi sento come una pazza.
Le cose sono peggiorate ancora di più dal momento che i dottori mi hanno comunicato che mia madre ha poche probabilità di guarire da questa malattia ed ora é a casa con l'assistenza medica, ed io la mattina dato che sono a casa mi prendo cura di lei mentre mio padre e mia sorella lavorano.
Le mie ansie continuano ho sempre paura di stare male anche io non riesco nemmeno nel campo sessuale a lasciarmi andare, sento sempre dolore durante i rapporti e non mi sento a mio agio.
Le mie ansie ci sono sempre e ho paura di non essere abbastanza forte per superare tutto quanto e non sono pronta a stare senza la mia mamma, ormai non riusciamo più manco a parlare perchè pure lei è consapevole della sua malattia, io non mi do per sconfitta e continuo a sperare e darle la forza necessaria, ma credetemi è troppo difficile.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 16/08/2015 - 15:53

Viterbo
|

Cara Claudia,

sei una ragazza molto giovane e stai affrontando una complessa situazione che sarebbe difficile per chiunque, ma tieni presente che difficilmente riuscirai a stare meglio se non farai qualcosa di concreto: contattare un Collega per una valutazione e un intervento mirato.
L'ansia difficilmente gestibile e le difficoltà pervasive che descrivi necessitano di essere trattate con un specialista per evitare cronicizzazioni.

Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo clinico e forense, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica
www.psicologoaviterbo.it