Valentina domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 15/01/2018

Paure

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni che da un anno e mezzo ha una relazione appagante con un uomo più grande che però abita a 300km di distanza. Vivo sola da ormai 8 anni, della mia famiglia ho ancora mia mamma che è sempre stato il mio rifugio ed il mio punto fermo ed ancora adesso mi confronto molto con lei, ed abitiamo ad circa 100km di distanza.
Nel momento in cui con il mio fidanzato parliamo di convivenza, e dunque del fatto che uno di noi due dovrà lasciare la sua casa, il suo lavoro e la sua vita attuale per trasferirsi dall'altro, a me parte un vuoto allo stomaco ed una grande paura: di lasciare la mia zona di comfort, di lasciare quello che avevo costruito con le mie mani e gli sforzi miei e di mia mamma e forse anche di deludere mia mamma che non si aspetterebbe che mi trasferissi altrove da dove mi trovo attualmente. La probabilità che si trasferisca lui da me è meno alta poichè ha un lavoro fisso ed un mutuo da pagare, mentre io lavoro part time ed ho casa propria.
Dunque, in conclusione, non so come uscire da questo circolo vizioso poichè davvero in questa relazione ci credo e credo anche nel nostro futuro assieme, solo che ho questa paura dell'ignoto che mi attanaglia dentro e non riesco a risolverla.
Grazie mille, Lucia

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giulia Pacini Inserita il 16/01/2018 - 16:52

Carissima Lucia,
la tua mi sembra una situazione complessa e capisco bene il tuo turbamento e tutte le paure che i cambiamenti portano con sé. Credo che tu possa innanzitutto prenderti del tempo per ascoltare quali sono i tuoi bisogni, i tuoi desideri più profondi, senza farti asfissiare dalla necessità di una scelta che senti di dover fare ma che ha bisogno anche di tempo e tranquillità per maturare dentro di te. Nel momento in cui entrerai in contatto con i tuoi bisogni reali farai anche meno fatica a scegliere e a spiegare la tua scelta a tua madre o al tuo compagno. Chiaramente come psicoterapeuta non posso dirti quello che è giusto per te semplicemente perché non posso saperlo! solo tu ti conosci bene e puoi capire cosa davvero desideri... sono sicura che se ti dai lo spazio e il tempo necessari per ascoltarti, senza giudicarti, senza pressare per una soluzione veloce, la risposta che cerchi verrà da sola. Se poi senti che la tua paura prende il sopravvento allora credo che l'aiuto di uno psicologo - che ti accompagni verso la scoperta e l'ascolto dei tuoi bisogni, emozioni, blocchi... - possa davvero esserti utile. Un bacio e buona fortuna, Giulia.