Claudio domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 02/11/2016

Ansia nella relazione

Salve, ho 35 anni, ho intrapreso da circa un mese una relazione importante con una ragazza ma a volte mi sento come prendere dal panico, mi sale l'ansia che mi toglie il fiato e ho paura di perdere tutto. Lei è molto affettuosa e sincera ma a volte vengo "invaso" da fantasmi del suo passato: un ex molto invasivo e fastidioso che a volte si ripresenta nella sua vita mettendola a disagio, e soprattutto sta metabolizzando la perdita circa un anno di una persona molto importante a livello di legame affettivo nella sua vita, venuto a mancare per un tumore.
Quest'ultima situazione è la più difficile da gestire, in quanto le capita ogni tanto di andare "altrove", e questa "presenza" del passato a volte mi spaventa, perchè sento che non è li con me. Mi sforzo di andarle incontro, di capire questi momenti, senza farglielo pesare, ma questo mi rende molto triste e insicuro. Siamo molto innamorati l'uno dell'altra, lei anzi a volte è anche gelosa, ma sento di avere un problema nel gestire tutto questo, di non farcela a sopportare queste "presenze" fra di noi, nonostante lei mi dica di fidarmi.
Sono una persona molta sensibile, purtroppo tendo ad ingrandire nella mia vita ogni tipo di situazione, drammatizzandola fino all'estremo, vedendo sempre il lato peggiore e perdendo fiducia in me e nell'altro, per cui poi somatizzo e sto male.
Spero in un vostro consiglio su come affrontare questa situazione.
Grazie.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 03/11/2016 - 17:17

Gentile Claudio,
le difficoltà che ci espone potrebbero derivare dalle sue insicurezze, ma anche da situazioni irrisolte della partner.
Occorre una consulenza per esaminare la situazione relazionale con calma e decidere per la presenza dell'una o dell'altra opzione.
Una volta individuata una fondata ipotesi diagnostica, le tecniche per migliorare la relazione da parte di uno psicoterapeuta ci sono e sono molto valide.
Tenga presente che molti processi sono inconsci per cui la valutazione da parte di uno psicologo è oltremodo necessaria.

Dott.ssa Claudia CAMPISI Inserita il 02/11/2016 - 21:14

Buonasera Claudio,
La ringrazio intanto per aver voluto condividere con questa comunità la sua storia e le difficoltà che sta incontrando in questo periodo della sua vita. Immagino non sia semplice stare accanto ad una persona che ha alle spalle una relazione burrascosa ed un lutto importante soprattutto in una fase iniziale in cui ogni aspetto viene investito per creare e stabilire la fiducia.
Lei probabilmente fa poi fatica a controllare le sue reazioni di ansia e di somatizzazione malgrado le rassicurazioni della sua fidanzata.
Il consiglio che sento di darle e' di darsi tempo e fiducia e se crede in questa relazione di accettare le fragilità della sua partner. Se poi sente di essere sopraffatto dalle emozioni negative non esiti a chiedere un aiuto, anche semplicemente un confronto con un professionista per il suo bene e per vivere più serenamente questa relazione a cui tiene.
Se le va mi contatti pure.
Dr.ssa Claudia Campisi

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 02/11/2016 - 16:20

Salve Claudio, si descrive come una persona un po' pessimista, insicura e con poca fiducia in se stesso e negli altri. Da quello che riporta, mi sembra anche molto ansioso. Molto probabilmente queste sue caratteristiche sono alla base delle difficoltà che incontra nella gestione di alcuni aspetti rapporto di coppia. Dovrebbe affrontare con l'aiuto di un esperto questi aspetti del suo carattere per recuperare un certo grado di flessibilità che le consentirebbe di gestire in modo efficace le difficoltà che incontra e di vivere con più serenità il rapporto con gli altri.