Erika domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 28/07/2016

Terni

Non so cosa fare

Ho cercato un modo per avere una risposta o una spiegazione a ciò che mi sta succedendo.Dopo varie ricerche ho trovato questo sito e spero di avere un aiuto anche da una semplice risposta,anche se la situazione è complessa e dovrò scrivere molto per riuscire a spiegare al meglio come mi sento e cosa mi è successo.Dal momento in cui ho cominciato a relazionarmi col sesso opposto,non ho avuto mai un attimo di pace.Presa in giro,utilizzata per una sola cosa e mai qualcosa che fosse andato per il verso giusto.A 13 anni e mezzo il primo ragazzo al quale ho dato il mio primo bacio,ovviamente all'epoca avevo una visione dell'amore fiabesca quindi la persona a cui avrei dato il primo bacio sarebbe stata la persona per la vita.Dopo tre mesi mi dice di avermi solo presa in giro e che da me non voleva più nulla,quindi prima delusione.Dopo di lui un altro ragazzo,L, che mi piaceva seriamente.All'inizio gli piacevo poi non piacendo ai suoi amici mi ha lasciata perdere e quindi seconda delusione.Il terzo ragazzo,N,storia a distanza durata 5 mesi.Io avevo 15 anni e mezzo e sicura dei suoi sentimenti,dopo esserci già visti,stando da lui per due settimane,decido di avere il mio primo rapporto con lui.Vado via da lui per andare in vacanza con i miei e dopo una settimana dall'averlo fatto con lui,un giorno mi chiama e malgrado la sera prima mi avesse mandato la buonanotte dicendo di amarmi,mi dice che non mi amava più,che la nostra storia non poteva più andare avanti e che nel frattempo mi aveva anche messo le corna.Terza delusione.Dopo di lui c'è stato M,della mia città,ci frequentiamo un mese,io innamorata,parlavamo di tutto,mi faceva ridere e ci stavo bene.Dopo questo mese decide di andarsene senza lasciare tracce.Ho continuato a starci male per due anni pur non sentendolo ne vedendolo più,alla fine tramite un'amica in comune scopro che conviveva con la ragazza col quale era fidanzato da tre anni.Trovo il modo di rintracciarlo e lui viene ad ammettere il suo sbaglio dicendomi che gli piacevo davvero ma che appunto avendo già fatto troppo male a lei pur amandola non poteva esserci niente.Quarta delusione.Dopo M,a 19/20 anni ormai, ho avuto la relazione peggiore di tutte.A distanza,lui che si presenta come T,con un certo lavoro,single e iniziamo a parlare.Ci piacciamo,ci vediamo e insomma è durata un anno e mezzo,periodo in cui ci sono state situazioni assurde alle quali non credevo ma amandolo andavo avanti con la speranza che non fossero solo cavolate.Progettavamo di convivere insieme,io di andare da lui a studiare e insomma pianificavo il mio futuro con lui.Alla fine,quando le situazioni diventavano sempre più assurde,ho scoperto la verità:si chiamava D,sposato e con un bambino di un anno e mezzo.Inutile dire che mi sia crollato il mondo addosso.Quinta e peggiore delusione.Per dimenticarlo mi sono fatta solo del male e ho cercato di conoscere una nuova persona:R.Usciamo,ci frequentiamo,finiamo a letto insieme e lui dopo ciò mi dice di non volere nulla da me.Dopo R,arriva R,stesso identico iter del precedente R.Dopo c'è stato M,ci frequentiamo un mese,lui fidanzato ma le cose non andavano,io lo facevo stare bene,con me era sereno,finiamo a letto e il giorno dopo mi dice che mi vedeva solo come un'amica che non gli davo tranquillità e che non voleva più nulla da me.Dopo è arrivato P.Ci conosciamo,dopo una settimana andiamo a ballare e mi bacia e insomma sembrava ci fossero buoni presupposti.Conosce la mia amica e inizia a voler tenere il piede su due staffe,stava con me ma abbracciava lei davanti a me,la prendeva per mano e quando io ho cominciato a ribellarmi alla cosa,lui che mi aveva studiata e che aveva compreso i miei punti deboli ha iniziato a colpirli senza pietà.Alla fine mi sono ribellata malgrado mi avesse ridotta uno straccio ed è finita.Dopo c'è stato A,frequentati per un mese da amici alla fine del quale ci mettiamo insieme.Dolce,premuroso ma andiamo in vacanza insieme e viene fuori il suo vero se:viziato,a cui tutto era dovuto,e il giorno prima di tornare a casa accade ciò per cui l'ho lasciato senza pensarci:mi chiede di farlo,io mi rifiuto,lui insiste per un po' e alla fine mi da una manata sulla schiena,della quale mi è rimasto il segno per una settimana.Tornati lo lascio.Dopo di lui non ho avuto nulla fino a gennaio di quest'anno (con A è finita a settembre 2015).In questo mese un ragazzo che mi piaceva quando avevo 16 anni mi manda una richiesta di amicizia su fb che io però non accetto.(Poi spiegherò perché ho specificato ciò).Nel frattempo provo a riaprirmi e conosco A.Ci frequentiamo per tre settimane,ci piacciamo ma alla fine lui mi dice di avere un tumore e che non può incasinare la sua vita più di quanto già non lo sia e sparisce senza lasciare tracce.Dopo c'è stato R.Più piccolo di me (20 anni lui 24 io).Ci vediamo,ci piacciamo,ma lui fidanzato con una serie di problemi per i quali non poteva lasciare la ragazza,io che ho provato a trattenerlo e lui che alla fine è sparito del tutto.Mentre uscivo dalla delusione con R, mi scrive S 28anni,il ragazzo della richiesta di amicizia non accettata,su un'altra piattaforma.Iniziamo a parlare,ci sentiamo tramite la piattaforma e whatsapp per due/tre settimane,parlavamo parecchio,io gli dico che a 16 anni mi piaceva ma che non avevo fatto niente dato che mi avevano detto che si stava frequentando con una ragazza(con la quale è stato 5 anni e che lo ha distrutto),lui mi dice che anche io gli piacevo a suo tempo(infatti ci guardavamo all'epoca ogni volta che ci si vedeva frequentando gli stessi posti e le stesse persone),che adorava i miei occhi e tutt'ora li adora,mi parla della sua ex che controllava tutto,che gli aveva allontanato tutti gli amici,che se tardava a tornare da lei dopo il lavoro anche solo di un minuto erano litigi furiosi,io gli parlo dei tre che lo hanno preceduto e quindi non volendo fargli del male,gli dico che ho R in testa anche se sapevo essere finita e che volevo andare avanti ma con calma. Insomma,alla fine ci incontriamo.Siamo stati insieme dalle 20.30 della sera fino alle 6.00 della mattina,cenato da soli,parlando,poi abbiamo raggiunto i miei amici,lui che seguiva ogni mio movimento,che giocava con me,che mentre parlavamo al tavolo con i mie amici mi prende la mano,che alzandoci dal tavolo mi abbraccia,che mi tiene da dietro mentre facevamo la fila per entrare in un locale e che mi bacia una volta arrivati al bancone.I miei amici cercano il modo di lasciarci soli,quindi due vanno ad aspettarci da una parte e accompagniamo gli altri due alla macchina.Mi teneva per mano,mi abbracciava mi attirava a se e così sia prima di restare soli che nel tragitto per raggiungere gli altri.Arriviamo dagli altri due mano nella mano e la mia amica mi dice di essere stanca e che se volevo tornare con lei dovevo andare via subito se no avrebbe chiesto a S se poteva riportarmi luì,lui da l'ok,poi va un attimo in bagno e io mi metto a parlare con lei scoppiando in lacrime perché pensavo a R quando baciavo S e avevo paura di fargli male.Lei mi dice di calmarmi,di provare con S dato che sapevo che con R non poteva esserci nulla e se ne va.S mi prende per mano e mi presenta a due amiche che aveva incontrato lì e che una già conoscevo.Andiamo alla sua macchina sempre mano nella mano e una volta partiti io inizio a dirgli come mi sentivo per essere sincera.Lui mi dice la frase che mi ha sciolta nei suoi confronti:"Eri,se ti chiudi a riccio non permetti agli altri di volerti bene".Arriviamo sotto casa mia,ferma la macchina e fa avances spinte che io rifiuto,allora mi fa accoccolare a lui e mentre mi coccolava,mi baciava chiacchieriamo allegramente.A un certo momento io gli dico di non voler andare a casa e lui mi propone di andare a vedere l'alba da qualche parte.Riparte,posto appartato e alla fine l'alba non l'abbiamo vista.Finito il rapporto,durante il quale mi ha baciata e presa per mano,mi guarda negli occhi e mi dice "mi piaci".Restiamo a coccolarci,lui mi invita a dormire da lui ma per una serie di cose gli dico di no.Riparte per portami a casa,cerca la mia amica per dirle che era tutto a posto e che mi stava riportando.Non riuscivamo a staccarci e alla fine quando io scendo dalla macchina mi chiede un altro bacio e poi se ne va.Arrivato a casa sua mi scrive,io gli dico che ero felice,che avrei voluto averlo con me,lui mi dice che anche lui provava e voleva le stesse cose e dormiamo.Il mattino seguente mi sveglio e gli mando il buongiorno,lui mi risponde con bacini,tutto normale,durante il giorno ci sentiamo anche se meno rispetto al solito,io che dovevo andare fuori città con gli amici quella sera,avendo voglia di vederlo gli dico se voleva venire,lui mi dice che voleva stare con gli amici e quindi ok,il giorno dopo buongiorno tutto normale,era pasquetta,e i piani con i miei amici erano saltati causa tempo brutto,quindi lo cerco per dirgli se io e la mia amica potevamo raggiungerlo,lui aveva troppe persone in casa quindi non sapeva dove metterci,la sera avevo una cena con i miei amici e provo ad invitarlo ma lui rifiuta perché aveva amici a cena,gli chiedo di raggiungerlo un attimo sotto casa per dargli un bacio e andarmene ma lui mi dice di essere stanco,di stare tranquilla che non sarebbe sparito e che ci saremmo visti la settimana successiva,il giorno dopo (lavorativo per lui) buongiorno,poi non mi rispondeva pur essendo connesso su whatsapp.Accedo alla piattaforma dove mi aveva contattata e per caso lo vedo online,continuava a non rispondermi e alla fine sbotto dicendogli "ti lascio alle tue conquiste su *****" lui mi dice di essere a lavoro e che non poteva usare il telefono mentre era a lavoro(quando nei giorni prima lo aveva fatto senza problemi e anche in quel momento era online su whatsapp) e che se avessi voluto mi avrebbe mandato un messaggio uscito da lavoro.Rispondo ok,lui esce e mi manda una nota vocale dove ribadisce che gli piacevo, che però per lui era troppo passare da zero a mille così ,spiegando perché era online sulla piattaforma,che mi aveva appunto detto della sua precedente storia con l'ex e insomma che ero stata insistente(facendomi intendere quasi quanto lei).Io rispondo con una nota vocale,cercando di fargli capire che avevo solo paura di risoffrire e che sparisse anche lui,lui ascolta e risponde dicendomi che le due cose che cercava in una ragazza "fiducia e che non gli controllasse tutto" non c'erano,io rispondo dicendogli che non si trattava di questo ma che avevo solo paura,lui ribadisce la cosa dicendomi che attrazione tra noi due ci fosse ma che forse non eravamo fatti per star insieme,alla fine cerco di convincerlo e lui mi dice che doveva pensarci a mente fredda e che il giorno dopo mi avrebbe scritto lui.Per due giorni non si è fatto sentire.Alla fine del secondo rompo il silenzio per dirgli che qualsiasi scelta avesse fatto avrei voluto saperla a voce.Lui mi risponde dopo un mio secondo messaggio dove gli spiegavo il mio stato d'animo,dicendomi che era sempre più convinto di non essere fatti per stare insieme,io lo convinco a vederci e ci vediamo.Mi dice che io non mi fido di lui e io gli dico che non è questo o non sarei lì am parlargliene,che il fatto che gli avessi chiesto di venire quelle due sere per lui era troppo,io gli dico che l'ho fatto perché avevo piacere ad averlo con me ma che non c'erano stati problemi alla fine e che se c'erano stati avrebbe dovuto parlarmene invece di chiudersi a riccio come aveva detto a me di non fare.Lui mi dice che quando ha un problema si chiude in se stesso e che predica bene ma razzola male.Poi mi dice di dovermi dire una cosa:nei due giorni in cui non ci eravamo sentiti,lui aveva risentito una ragazza con la quale aveva parlato un mese prima nei due giorni in cui non ci eravamo sentiti,che si erano visti e che insomma lei gli piaceva più di me.Non sapendo cosa fare o come rispondergli l'ho portato in un posto dove potevano star soli e ho iniziato a parlargli.Gli ho chiesto com'era possibile visto che aveva detto a me di piacergli,che sapeva che potevo dargli tutto ciò di cui aveva bisogno e lui risponde che razionalmente lo sapeva ma che appunto non si trattava solo di ragione,gli chiedo cosa stesse provando per me in quel momento e lui mi dice che voleva proteggermi.Gli dico di restare perché se se ne fosse andato io sarei impazzita mentre se fosse rimasto piano,piano mi sarei abituata e distaccata con più calma e meno dolore,ma lui mi dice di no,io gli chiedo un bacio,perché volevo baciarlo come avrei dovuto fare quel venerdì,all'inizio rifiuta e poi alla fine cede dicendomi che dovevo sapere che mi avrebbe fatto più male,da un bacio siamo passati a baciarci per mezz'ora e se all'inizio non era preso,dopo si era preso anche lui.Alla fine senza riuscire a farlo restare mi riporta dalla mia amica.Prima di scendere dalla macchina io non ho fatto una mossa nei suoi confronti,ho detto "ciao" e stavo per aprire la portiera quando lui mi ferma e mi dice "vieni qui" e mi abbraccia stretta e a lungo...Scendo dalla macchina e corro dalla mia amica che ci aveva visti scoppiando in lacrime,lui se ne accorge,rallenta ma lei mi trascina via e lui se ne va.Da qui è iniziato il periodo schifoso che sto passando ormai da tre mesi.Io,come sapevo sarebbe accaduto e avevo detto a lui,sono impazzita,ho cominciato a scrivergli che stavo male,a chiedergli come stava,a cercare un contatto.Lui visualizzava ogni volta ma non rispondeva.Questo è stato il mio grande errore dettato dal fatto di essere stanca di essere presa da qualcuno,provare sentimenti nei suoi confronti per poi essere rifiutata come se non valessi nulla.Alla fine mi blocca ovunque dicendomi che non voleva più saperne di me e che non dovevo più cercarlo.Io ho iniziato a non mangiare,a non dormire e se ora mangio un po' di più la notte continuo a non dormire.Una sera esco e lo ritrovo nel locale che abbiamo sempre frequentato,lui si nascondeva ed era con due sue amiche,le stesse che mi aveva presentato di cui una la conoscevo anch'io.Come mi siedo lui si alza e va via.Poco dopo con un mio amico usciamo a fumare una sigaretta e lui era lì fuori.Arrivano i miei amici per andarcene e anche S si avvia per andare via.Io avevo bisogno di parlargli,lo fermo,lui mi saluta, io gli chiedo di parlare,lui risponde di no e la "non conversazione" termina con io che lo mando a quel paese.Quella sera riceve l'ultimo messaggio da parte mia.Dopo ciò contatto la ragazza che conoscevamo entrambi per scusarmi della situazione spiacevole in cui le avevo fatte trovare,lei mi dice che non c'erano problemi e che ci saremmo beccate in giro.Altra uscita serale,stesso locale dove non c'era un posto e io mi sento chiamare.Questa ragazza con l'altra ragazza (A) mi stavano facendo cenno di andare a mettermi seduta con i miei amici al loro tavolo.Mi siedo e A mi chiede cosa sia successo con S.Io le racconto tutto facendole leggere anche le conversazioni e spiegandogli il perché della mia reazione.Lei mi dice che lui ha sbagliato e che se volevo ci avrebbe parlato,o avrebbe indagato per me.Io le dico di non fare nulla di tutto questo e che se lo avesse incontrato di non dirgli che mi aveva vista.Se ne vanno e dopo un po' tornano.Lei mi dice di averlo incontrato e di avergli detto di avermi vista,io le dico che appunto non avrebbe dovuto farlo ma lei mi dice che lui aveva risposto tranquillo un "ah,ok va bene".Da lì mi ha aggiunta su whatsapp e facebook.Ha iniziato a parlarmi,iniziamo a vederci il pomeriggio quasi ogni giorno parlando della situazione e lei mi dice che doveva dirmi qualcosa di lei riguardo S che però preferiva non dirmi perché avrei cambiato giudizio riguardo ciò che avrebbe detto o fatto lei per me e lui.Io le chiedo se le piacesse S,lei mi dice di no e che la cosa era un'altra,le dico che quando si sarebbe sentita pronta me l'avrebbe detto.Ai miei amici non piaceva,secondo loro avrei dovuto lasciarla perdere ma non l'ho fatto.Io mi sfogavo scrivendo su word,lei lo viene a sapere e mi dice di scrivere una lettera a lui con tutto quello che volevo dirgli ma in modo distaccato perché con lui sarebbe stato l'unico modo per fargli capire qualcosa.Mi fidavo e l'ho fatto,lui non l'ha voluta.Precedentemente ero andata a dormire una sera da lei e avendo bevuto,poco ricordo ma di quel poco ricordo bene che lei lo aveva chiamato e detto"mi metto i tacchi che non mi ci hai mai visto almeno ti faccio effetto -mi guarda , mette il viva voce- e Eri ti fa effetto?" Lui in silenzio dall'altra parte e poi le fa "A buonanotte,buonanotte A" e chiude.Lui gioca a basket,sport al quale ho giocato anche io e che a prescindere da lui, mi piace.Vado a vedere le partite sia per piacere personale e sia conscia del fatto che lui c'era.Lei mi suggerisce di provare a parlarci dopo la partita.Lui reagisce male e alla fine mi manda a quel paese con lo stesso movimento che avevo fatto io in precedenza,e dato che continuavamo comunque a beccarci in giro e che lui mi guardava ogni volta,gli dico che non doveva più guardarmi,soprattutto che non doveva nemmeno guardarmi più in faccia.Lei che era con lui e aveva assistito alla scena mi passa davanti senza quasi salutarmi ma le veniva da ridere,io la fermo,la saluto e me ne vado.Dopo questo e si parla di aprile,io non ho più fatto nulla, ci siamo solo beccati in giro con io e lui che ci guardavamo e io che parlavo con lei di come stavo.Alla fine lei mi dice che le piace S.Io le do contro perché mi sono sentita presa in giro,ho anche pensato che lei ci abbia messo lo zampino,e chiudo con lei.Ho continuato ad incontrarlo,a vedere le partite e in ogni circostanza lui mi guarda.Un mio amico che ha conosciuto S alla fine parla con lui.S gli dice che con me si era trovato bene ma che poi sono cambiata da così a così,che aveva bisogno di calma,che un pensiero su me lo aveva fatto,che io sono pazza riferendosi ai vecchi messaggi (questo è successo pochi giorni fà),che non riesce a parlarmi e che avrebbe voluto denunciarmi quando io personalmente non sto facendo nulla,non gli ho scritto da aprile,non l'ho più avvicinato,e si sono andata alle partite ma ripeto,conscia del fatto che lui ci fosse ma soprattutto perché a me quello sport piace.Ovviamente io ci sono rimasta malissimo,con il mio amico gli abbiamo inviato una nota vocale dove mi scusavo per gli errori commessi,perché sono consapevole di aver sbagliato e che non lo avrei più infastidito in alcun modo e che se fosse servito avrei evitato anche i locali che abbiamo frequentato da sempre.
Ora,io non riesco a riprendermi,so di aver sbagliato,so di essere impazzita ma sfido chiunque dopo aver sempre e solo avuto batoste a non arrivare al limite.Io non so cosa effettivamente passi per la testa a lui che dice di "guardarmi per allontanarmi" quando questa frase non ha senso,se io una persona voglio evitarla o allontanarla non la guardo,mi darebbe fastidio farlo.A non è stata sincera e lui ha anche detto che una persona che conosce me e lui ha detto che sono pazza,e l'unica poteva essere lei che parlava con entrambi.Io so di non poter ne dover far più nulla ma non riesco davvero a lasciarlo stare.Vado in giro con la paura e la speranza al tempo stesso di vederlo,mi rodo l'anima perché ho sbagliato e so che se fossi stata tranquilla nulla di tutto questo sarebbe successo.Mi ha trovata in un momento di debolezza e ho combinato un disastro quando sapendo come siamo stati bene insieme,probabilmente saremmo riusciti a costruire qualcosa di bello.La cosa peggiore è che lui non "riesce" a parlarmi quando avrei bisogno di un dialogo con lui perché troppi intermediari in una cosa che riguardava solo noi due.Io non lo capisco e non capisco perché non riesco a lasciarlo andare...
MI SCUSO PER LA LUNGHEZZA MA AVEVO BISOGNO DI SPIEGARE TUTTO.
Grazie per l' eventuale risposta.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Christian Verdirame Inserita il 31/07/2016 - 10:10

Ciao Erika, forse vivi con troppe aspettative la relazione, cosa che potrebbe indurre i ragazzi a sentire questo "peso" e ad allontanarsi di conseguenza per paura, eccessiva responsabilità. Ovviamente sono solo congetture. Prova ad immaginare la relazione senza un domani, ma alla giornata con animo leggero, senza "caricare" emotivamente in eccesso la relazione. Considera che è propria della tua età sperimentare, cercare sempre nuove relazioni. Puoi ovviamente consultare uno psicologo nella tua zona se vuoi avere risposte più precise. Un abbraccio