Riccardo domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 05/03/2016

Brescia

Ho un problema

Gentili dottori,
anzitutto grazie per la consulenza che offrite.
Ho una cosa da chiedervi. Scusate il linguaggio diretto ma è essenziale per capire.
Sono quasi alla soglia dei trent'anni e sto avendo solo recentemente frequentazioni con ragazze:
a causa della mia timidezza infatti non mi 'buttavo' mai.
Ho scoperto solo ora (per i motivi di cui sopra...) che non amo essere baciato"alla franscese".
Quando sento la lingua della partner questa cosa la avverto come una sorta di intrusione.
Continuo a baciare ma non mi piace. Durante i baci poi mi sento distaccato al contrario della partner che invece gradisce molto. Io invece somatizzo poi a livello di pancia a distanza di alcune ore....
Non so, è come se avessi problemi con la sensorialità, nel senso che prima del bacio avverto la voglia di farlo
ma quando inizio è come se si rompesse l'incantesimo e mi trovassi a fare una cosa che non sento mia.
E di partner ne ho avute tre e sempre lo stesso problema.
Le lasciavo poi, convinto che se avevo questa sensazione era perché non le amavo.
Ora vi chiedo: può essere dovuto ad problema Aspie/Autistico che emerge solo ora?
A chi posso rivolgermi?
Grazie

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Francesca Fontanella Inserita il 07/03/2016 - 16:11

Gentile Riccardo, vorrei riflettere con lei su un aspetto: la rottura dell'incantesimo che effetto positivo ha? Cosa le permette di ottenere? Le mie domande le sembreranno contro intuitive, ma hanno l'obiettivo di portare l'attenzione sulle intenzioni positive retrostanti ad alcuni comportamenti automatici e apparentemente incomprensibili.
Se le fa piacere, mi contatti per condividere le sue riflessioni e le risposte alle mie domande.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 06/03/2016 - 22:39

Salve Riccardo.
Ritengo che il bacio sia un atto di grande intimità, anche più dell'atto sessuale stesso.
Se pensa che quando nasciamo il nostro primo contatto con il mondo è quello orale (quella che Freud chiamava 'fase orale').
Sarebbe interessante avere più informazioni riguardo il suo vissuto personale per focalizzare questo aspetto.
Potrei fare diverse ipotesi: lei parla di 'incantesimo rotto' e mi ha fatto pensare che forse nell'attesa di approcciarsi al gentil sesso, ha idealizzato una potenziale relazione amorosa, e il riscontro è risultato diverso dalle sue aspettative, questo potrebbe averla delusa e o spaventata,
Le consiglio una consulenza psicologica.
Se desidera mi contatti pure in privato.
Resto a disposizione per chiarimenti.
Cordialmente,
D.ssa Loredana Ragozzino
Falconara (An)
Tel. 340 7362653