Veronica domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 13/11/2015

Verona

Come posso capire se lo amo ancora?

Buonasera Dottori,
Mi chiamo Vero. Abito in Inghilterra. Io e il mio ragazzo abbiamo rispettivamente 22 e 21 anni. Venire a vivere qui e' stata prevalentemente una mia scelta. Duranque questo anno...E' successo di tutto. Trasferirsi in un paese nuovo, impararne la lingua...Difficilissimo. Ci siamo ritrovati ed essere realmente adulti senza renderceno praticamente conto. Lavoravamo, lavoravamo, lavoravamo... Sempre. Lui ha fatto delle cose, e' molto bambino ed e' stato difficile trascinarselo dietro. Ogni volta che c'era un problema, io dovevo tirare le redini, arrabbiarmi e scalpitare per scuotere la sua calma e cercare di farlo reagire. E' stata durissima. Fino a quando non sono crollata. Sono crollata e lui mi e' stato "piu' o meno" vicino. Anche se si lamentava parecchio di me, del mio non reagire. Di fatto e' andato in italia 2 settimane a settembre, in vacanza a rivedere degli amici. Da li io non sono piu stata la stessa. Ho conosciuto gente nuova, ho cominciato ad uscire...Ho conosciuto ragazzi interessanti, alcuni dei quali hanno dimostrato interesse per me. Non l'ho tradito. Non potrei mai. Lo rispetto molto,troppo. Ma quando e' tornato sentivo che qualcosa si era rotto. Rotto per sempre. Era un po' che covavo questo sentimento ma lo reprimevo perche' avevamo uno bisogno dell'altra. MA adesso..Vorrei solo se ne andasse. A volte si. Altre no. A volte sento di volergli ancora molto bene. Altre potrei dire di amarlo. Altre lo detesto e vorrei solo si levasse dai piedi.
Non so cosa fare. Lui e' sempre lo stesso. E' un buon ragazzo... Lo e' sempre stato. Tuttavia non e' forte, la sua personalita' di adatta alla mia. E questo mi fa impazzire. Mentre per cose sciocche si impone e si arrabbia. Non saprei...Sto impazzendo. Mangio poco. Dormo poco. Non voglio mi baci o mi stia vicino. Cerco di fare chiarezza ma purtroppo non riesco. Non voglio ferirlo, mi sento stupida ed egoista. Tuttavia non lo sopporto.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Loredana Trebisacce Inserita il 14/11/2015 - 20:06

Cara Veronica,
quello che descrivi è un passaggio direi normale nella vita: un grande cambiamento nella tua vita, anzi nelle vostre vite, nella tua e in quella del tuo ragazzo, che ha portato ad un modo diverso di vivere la coppia.
La vostra giovane età vi ha messi di fronte ad una difficile prova di sopravvivenza, ovvero diventare una coppia adulta, assumersi responsabilità, esser punto di riferimento quasi esclusivo l'uno per l'altra in un paese straniero. Quello che è emerso è che hai affianco un compagno che non ha corrisposto alle tue aspettative e bisogni. Paradossalmente questo ha poco a che vedere con il bene o l'affetto che provi, ma ti ha provocato tanta frustrazione ed eccesso di stress per esserti dovuta assumere per un periodo le responsabilità di entrambi. Ma forse questo rapporto ti porta via troppe energie, forse hai bisogno di un compagno che sia al tuo fianco e non dietro di te, trascinato suo malgrado.
Prova ne è che durante la sua partenza tu ti sia sentita liberata, oppure il risentimento che provi nei suoi confronti e il rifiuto di un'intimità che non senti più come necessità, ma che fa parte a tutti gli effetti della vita di una coppia. Quando avrai fatto più chiarezza dentro di te, parlagli apertamente di quello che senti, e non è detto che non riusciate a trovare una soluzione condivisa. Andare avanti con malessere e senza meta non ha molto senso per te e nemmeno per lui.
se vuoi scrivimi ancora.

un caro saluto
dott.ssa Loredana Trebisacce