susy domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 03/09/2015

Lodi

Scoperte spaventose

Buongiorno.
Scrivo per disperazione. Ho un marito affettuoso e premuroso. Di recente ci siamo innamorati di nuovo, come già in passato, almeno io di sicuro e il nostro rapporto ne è uscito molto rafforzato su tutti i fronti.
Ho avuto mancanza di fiducia nei suoi confronti tempo che mi ha portato a frugare tra le sue cose.
Dopo aver trovato tracce di letture erotiche mi sono consolata pensando che almeno non si trattava di materiale pornografico. Poi ho appurato che invece nel corso degli anni la visione era piuttosto frequente soprattutto per combattere stati di elevata tensione sul lavoro. E ho elaborato anche questo accettandolo.
Come ho accettato il fatto che mi dicesse che ci sono stati periodi in cui non mi concedevo e quindi doveva sfogarsi in qualche modo.
Ma scoprire che conserva una chiavetta con filmati amatoriali che risale a pochi anni fa mi ha ammazzato.
Verificare poi che un paio di questi filmati vedono come protagoniste delle giovanissime ha fermato ogni mia pulsione vitale. Uno di questi addirittura riprende un atto orale incestuoso.
Posso capire che la rete offre di tutto e che alla lunga tutto annoia, ma perché arrivare a tanto?
Come non dare importanza a questa scoperta? Sto cercando di sminuire il più possibile per conto mio, ma capisco che non basta.
La mia reazione? Spavento e disgusto inizialmente e poi come in altre occasioni sensi di colpa. E mi sono concessa a lui come non mai in tutto e per tutto continuando un percorso sperimentale e alternativo molto appagante iniziato da un anno almeno. Mi possiede con veemenza, usa epiteti e sex toys improvvisati quando siamo particolarmente caricati e disinibiti dall’alcool (vino a cena) che consumiamo insieme. Insomma l’intenzione è quella di amarsi divertendosi, ma mi accorgo che devo mandare giù tanti di quei rospi per gestire la situazione ….
E’ un andirivieni di stati d’animo contrastanti. Non riesco a cancellare certe immagini anche se risalgono a qualche anno fa.
Non riesco a capire perché le conserva e che uso ne fa quando la rete è a sua disposizione.
Semplice deposito in posto sicuro (nemmeno poi tanto perché io l’ho vista) o dimenticanza del contenuto?
O proprio perchè sa che cosa contiene se la tiene praticamente in tasca?
Non posso parlarne con lui. Sarebbe un’invasione inammissibile nella sua privacy che avrebbe il sopravvento su qualsiasi ragionamento. E’ già successo per una chat con un’amica che ha definito una banalità e su questo sono sicura al 100% perché la sua trasgressione in questo caso è stata davvero minima e non ha avuto alcuna complicazione.
Ma per il resto ho davvero bisogno che qualcuno mi dia una spiegazione e che mi aiuti ad accettare se possibile la situazione senza farne un dramma perchè sto letteralmente annaspando in questo gioco pazzesco. Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 09/09/2015 - 18:35

Cara Susy,
la situazione che ci racconti è particolarmente difficile; è difficile perché, una delle possibili soluzioni, sarebbe quella di parlarne con tuo marito e, da questo discorso, decidere insieme il da farsi.
Metti subito come paletto il non poterne parlare con lui in quanto la considererebbe una forte violazione della sua privacy. Effettivamente è così ma, per arrivare a tanto, i "rospi" che hai dovuto ingoiare ti hanno dilaniata dall'interno.
Ti consiglierei di valutare attentamente quale sia il tuo sentirti all'interno di questa vita di coppia: non riesco a comprendere dalla tue parole se accetti passivamente o meno questa ritrovata sessualità "sperimentale".
Ti consiglierei comunque di parlare di quello che provi e di come ti senti con tuo marito, magari non accennando inizialmente alla questione della chiavetta, perchè credo che sia importante per te e per entrambi intraprendere un percorso ( possibilmente di coppia) con un professionista nella vostra città.
Ti faccio un grande in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa - Torino
www.valentinamossa.com
https://www.facebook.com/dottoressavalentinamossa