Gianluca  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 31/10/2019

Roma

Paura di essere diventato gay

Salve sono un ragazzo di 24 anni, da un po di giorni ho iniziato ad avere il dubbio /paura di essere diventato gay. Mi spiego, sono sempre stato stra etero, con le donne ho sempre un grande successo, sono stato fidanzato per 5 anni, mi sono lasciato e ho iniziato a "divertirmi" con altre ragazze. Sono stato a letto con vermante molto ragazze almeno una 20. Premetto che sono sempre stato un tipo abbastanza ansioso, ho iniziato a frequentare una donna più grande, e per non fare diciamo brutta figura ho preso anche del viagra. Mi sono sempre fatto complessi sulle dimesinioni e sulla durata del rapporto. L estate parto per Mykonos e iniziano dei primi problemi facendomi pensieri sul fatto che senza un aiuto potessi non avere una grande erezione. Anche lì sono stato con altre due ragazze e il rapporto è andato molto bene. Torno a Roma e circa 2 mesi fa ho un rapporto con una ragazza più piccola , mi capita per la prima volta l ansia da prestazione, e mi inizio a fare mille complessi sul fatto di poter perdere l erezione durante la prestazione, ed è proprio quello che è successo. Era la prima volta che mi succedeva e sono andato nel pallone. Ho iniziato ad avere un sacco di ansia, e da lì è iniiztao un calo del desiderio. Questa cosa mi ha praticamente sconvolto. Ho iniziato a prendere delle pasticche di vigrax per la disfunzione erettile. Da allora ho avuto un netto calo del desiderio, e mi sono iniziato a fare delle domande. E se fossi diventato gay? Perché quando guardo una ragazza non provo più quel desiderio di prima?
Allora io non ho mai avuto alcun dubbio sul mio orientamento sessuale. Sono stato sempre stato etero al massimo. Ma da quando ho iniziato a pormi la domanda e se fossi diventato gay, sto avendo un sacco di dubbi, inizio a guardare gli uomini diversamente come si mi attraessero. Ho iniziato a masturbarmi molto più spesso rispetto a prima, (sempre su cose etero) però non ci sta più la voglia che ci stava prima. Lo faccio penso più che altro per dire allora se guardo queste cose vuol dire che non sono gay. Ho il terrore di essere diventato gay, non voglio passare per omofobo, penso sempre a cose brutte al suicidio ecc. Il fatto di guardare i Machi con maggiore interesse rispetto anche ad una bella ragazza mi distrugge. Come si può cambiare orientamento sessuale da un momento all altro, considerando che non ho mai avuto dubbi sulla mia eterosessualita. Sono stato sempre il ragazzo in cerca di ragazze. Ora non ho più voglia di uscire, andare in discoteca, andarmi a divertire con qualche amico per questa paura. Non so come uscirne, il solo pensiero di poter essere diventato gay mi fa uscire pazzo. Cosa dovrei fare? Perché sta succedendo questa cosa?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 04/11/2019 - 08:13

Gentile Gianluca, succede proprio così, più si ha paura di una situazione, tanto più quella cosa s’insinua nella mente e accade. Ha iniziato con la paura di non farcela e di non farcela "abbastanza" durante il rapporto sessuale. L'ansia da prestazione ha preso il sopravvento e la risposta e il rimedio che si è dato, è stato prendere un farmaco. Subito dopo la paura si è spostata: e se fossi gay? Scrive che è sempre stato un tipo ansioso. Quando si subisce uno stato ansioso, la paura può prendere varie forme. Si può trattare di un'ansia indefinita, una "nebulosa in via d organizzazione" scriveva il grande psichiatra Henry Ey, oppure l'ansia "si lega" a un oggetto specifico: una situazione, uno stato esistenziale, una fobia. Così si può aver paura di uscire da casa, di essere diventato mancino oppure avere la fobia dei piccioni. Il lavorio psichico che "lega" l'ansia, permette di tenere lontano l'oggetto temuto (evitamento della situazione) e difendersene. Ora bisognerebbe capire a cosa si riferiscono le sue paure, che cosa teme veramente e come si è modificata in questo periodo la sua immagine interiore di "maschio", come avrebbe voluto essere, come non è più. Il suo essere maschio in rapporto ad altri maschi. Potremmo anche dire che si è stancato di voler dimostrare a se stesso di avere donne in serie? Dov’è finito il desiderio?