barbara domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 01/04/2016

Bambino di tre anni aggressivo

Salve mio figlio di tre anni sta diventando sempre più aggressivo e oppositivo.questo anno ha iniziato l'asilo ed è nato il fratellino che adesso ha 9 mesi. ultimamente lo morde fino a lasciargli i segni e lo picchia. noi genitori gli ripetiamo che non si fa,cerchiamo sempre di accontentarlo e trovare dei momenti di esclusività con lui,proprio per far sfumare questa gelosia ma non sappiamo più come comportarci.è sempre scontento,non gli va bene nulla,urla,picchia nonni,zii,noi genitori,agli estranei,urla ed ogni cosa è una lotta continua.A scuola invece si comporta abbastanza bene.era un bambino buono e sorridente e non lo riconosciamo più.se lo mando in punizione in cameretta sua ,esce e non ci resta dicendo che lui non ci vuole stare e spesso ci ride pure sul viso.ci sfida.io non sono per le scuccialate ma qualche volta mi ha davvero fatto perdere la pazienza.dopo la sculacciata ha pianto un po ma continua a fare le stesse cose.come se nulla fosse. Cosa abbiamo sbagliato?come dobbiamo comportsrci quando fa male al fratellino o ai familiari?ci parlo molto,gli spiego le cose e cerco di dare il buon esempio..le abbiamo provate tutte ed io sono davvero sconfortata. Grazie.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Cristina Fumi Inserita il 01/04/2016 - 22:19

Cara Barbara,

la nascita di un fratellino rappresenta per un bambino un evento destabilizzante e stressante, a cui il bimbo reagisce come può.

Il morso è un atto comunicativo a tutti gli effetti e nella maggior parte dei casi ha un significato molto preciso: è come se il bimbo ci stesse dicendo "io sono arrabbiato"

E' comprensibile che il bimbo sia arrabbiato
- perchè un nuovo bimbo è al centro delle attenzioni della mamma e di tutti i famigliari;
- perchè ha iniziato la scuola materna, ove trascorre molte ore, mentre la mamma è a casa con il fratellino.

E' importante sapere che a scuola il bimbo non manifesti tale atteggiamento che in realtà mette in atto solo con voi a casa: dunque è molto arrabbiato con voi.

E' utile rassicurarlo circa la bontà della nascita del fratellino che non lo "rimpiazza" nel cuore della mamma; cercate di organizzare dei momenti speciali solo con lui, senza il fratellino in cui lui da solo possa godere fino in fondo la sua mamma o il suo papà.

Ad altezza bambino, lo rimproveri con fermezza realtivamente all'atto che compia, cerchi di comunicare che è un comportamento che fa male.

Con pazienza continui a rimporverarlo qualora continui a mordere e continui a dire "Se sei arrabbiato dillo a parole, dimmi cosa pensi e come senti.
Non c'è bisogno di mordere per scaricare la rabbia..."

Ha solo tre anni ma è già capace, mi creda, anche a soli tre anni, di comunicare i propri stati d'animo se il genitore riesce a porsi in un atteggiamento di ascolto.
Ci vuole molta pazienza e perseveranza.

I bambini hanno bisogno di essere informati, rassicurati e ascoltati relativamente a tutti gli eventi che accadono loro accanto e ai comportamenti che vivono nella loro quotidianità.

Un caro saluto

Dott.ssa Cristina Fumi
psicologa psicoterapeuta
MIlano
www.studiokaleidos.it

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 01/04/2016 - 17:57

Cara Barbara,
mi spiace per il suo sconforto e preoccupazione, ma con impegno si può trovare un nuovo equilibrio.
Tenga conto che il bambino (nonostante le vostre attenzioni), con la nascita del fratellino si è sentito come derubato del suo ruolo. Non c'è più lui al centro dell'attenzione. In fin dei conti avete deciso voi e non lui di fare un fratellino.
Spesso la gelosia e' motivata dal voler ottenere amore, attenzione e approvazione dai genitori.
L'aggressività rappresenta la sua paura ed insicurezza, teme di non essere amato e considerato al pari del fratellino.
Occorre risolutezza e non punizioni, considerazione e rassicurazioni. Le consiglio una consulenza affinché possiate fare un percorso psicologico di sostegno per il periodo che serve per trovare un nuovo benessere.
Resto a disposizione per chiarimenti.
Un caro saluto.
D.ssa Loredana Ragozzino
Tel. 340 7362653