Stefani domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 06/02/2018

Milano

Soffro di distimia?

Salve, sono una ragazza di 29 anni e da tempo mi sembra di avere una "crisi vitale". Facendo qualche ricerca su internet ho riscontrato qualche sintomo nella distimia. Sono stata depressa in passato, sono stata molto insicura, ho sofferto di bullismo e poca autostima. Negli ultimi anni pero, sono stata circondata di amici anche se in famiglia mi sento sempre fuori posto.
La cosa che ora mi preoccupa è che mi sto isolando. Vivo col mio ragazzo e il mio cane e i miei due gatti ed è come se mi bastano loro. In casa mi sento bene e al sicuro. Mi preoccupa il fatto che sto evitando la mia famiglia, gli amici, gli hobbies, e non mi va piu di uscire nonostante fossi sempre stata un'amante delle feste.
Odio il mio lavoro e faccio molta fatica ad andarci, mi sento sempre stanca, cambio spesso umore e mi concentro a fatica. Prima, almeno nei miei giorni liberi, ero felice di alzarmi, ora mi viene spesso la voglia di dormire fino alle 2 del pomeriggio. Oltre a questo, sono sempre stata un'amante dei videogiochi ma mai come da mesi a questa parte, ne abuso cosi tanto.
Non ho mai avuto pensieri suicidi e ho delle rari crisi depressive quindi non credo di essere proprio depressa pero è da mesi che sento questo vuoto, come se continuo a guardarmi passare le cose davanti agli occhi senza essere la protagonista della mia vita. Ho paura dei cambiamenti, ho paura di fare qualcosa di diverso dal solito, mi viene spesso l'ansia ma non faccio nulla per cambiare le cose...

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 08/02/2018 - 14:35

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Stefani,
mi sembra che la sua condizione emotiva sia complessa e quando parla di distimia, forse si riferisce al fatto che si percepisce così più o meno da sempre, quindi si potrebbe definire un malessere cronico.
Capisco la sua difficoltà nel prendere in mano la situazione perchè, da ciò che descrive, non sembra un malessere acuto, quanto piuttosto sotterraneo e di sottofondo, ma è proprio questa sua caratteristica che lo rende più insidioso e molesto. Per questo fino'ora non ha sentito l'esigenza di fare qualcosa per affrontarlo.
Pertanto può essere utile per lei chiedersi come mai in questo momento della sua vita le crea più malessere, cosa sta succedendo ora?
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 15/03/2018 - 16:29

Milano
|

Gentile Stefani, sembra che in questo momento la sua vita non abbia una direzione, un progetto da realizzare, un'idea di futuro. Tutto sembra bloccato a un presente che a tratti diventa difficile e ansiogeno perché ripetitivo e che esclude gli altri. Ci prova, poi si blocca per timore di sbagliare. E allora non si muove più. Credo che possa cercare di affrontare questa inibizione e capire cosa la trattiene, cosa teme possa verificarsi, recuperare energie e iniziare a progettare le sue aspirazioni e desideri. Saluti.

Dott. Alessandro Stirpe Inserita il 06/02/2018 - 16:33

Gentile Stefani,
per sua fortuna mi sembra di capire che la situazione non è ancora gravissima, ci sono però molti segnali di allarme, alcuni conclamati. Mi rincuora sapere che ha un compagno, una famiglia con degli animali. Un luogo sicuro nella sua vita esiste! Però c'è la necessità di strutturarsi un po' di più, di diventare più forte e affrontare ciò che il passato Le ha segnato il destino, riprendersi il futuro che le spetta.
Un percorso di sostegno psicologico potrebbe esserle molto utile!
Non perda tempo.
cordiali saluti,
dott. Alessandro Stirpe