Bici123 domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 28/12/2014

Milano

Non so più che fare.

Quest'anno è stato lungo e difficile.
A fine gennaio i dottori hanno diagnosticato la leucemia acuta a mia nonna, una donna di 83 anni. Fino a quel momento sembrava una donna sana, ma in seguito alla visita ha iniziato a mostrare chiaramente la sua malattia. Diversi ictus l'hanno resa incapace di qualsiasi movimento, togliendole anche la parola. Dopo circa due mesi in queste terribili condizioni, ci ha lasciato. La sua morte è stato un sollievo, vederla soffrire in quel modo mi tormentava. La sua è stata per me la prima morte, assistendo da vicino al percorso che l'ha portata a spegnersi.
Tuttora, nonostante siano passati mesi, ogni giorno soffro per questa perdita e soprattutto per il modo in cui essa è avvenuta.
In questi ultimi mesi sto inoltre vivendo l'allontanamento da un ragazzo che ho amato, e amo. Io stessa ho preso le distanze da lui, dopo aver capito che non mi rendeva felice. Ora mi chiedo però se l'infelicità con lui, lo stare male per lui non sia meglio dello stare senza.
Tutto questo mi spinge a non studiare, lasciare indietro esami, trascurare amicizie. L'unica cosa che mi va di fare è restare chiusa in casa a pensare e ripensare alla mia vita.
Non so più come rialzarmi. Mi rendo conto che sono situazioni che succedono a tutti e proprio questa consapevolezza mi fa sentire più inetta nel non riuscire a reagire.
Non riesco più a gioire davvero. Ho sempre avuto un animo sensibile, un gesto o una parola potevano riempirmi il cuore di gioia. Non riesco più ad emozionarmi, a trovare la magia nelle cose.
Non mi riconosco più e voglio uscire da tutto questo, ma come?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 12/01/2015 - 16:24

San Giuseppe Vesuviano
|

Gentile ragazza,

leggendo il suo messaggio, ho avuto la sensazione che a scrivere fosse una donna, piuttosto che un'adulta così giovane.
Il suo malessere potrebbe essere stato innescato, ma non causato, dalla perdita vissuta e il consiglio che posso darle è di rivolgersi ad un collega della sua città per un consulto, sia privatamente sia attraverso l'ASL di riferimento.

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo - Napoli
Psicologa e Psicoterapeuta individuale, di coppia e familiare
www.pscodialogando.com/

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 07/01/2015 - 21:16

Cara utente,
non sottovalutare il tuo stato d'animo dicendo che sono situazione che succedono a tutti.
Dalle tue parole traspare una grande sensibilità e la perdita di tua nonna ha sicuramente influito sul tuo umore in questi mesi.
Per rialzarti hai bisogno di un sostegno: un percorso da uno specialista nelle tua città non farà altro che aiutarti.
Un caro saluto ed un forte in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com