francesco domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 05/03/2016

Bari

Problema fisico che avrò per tutta la vita

buonasera, circa 40 giorni fa giocando una partita a calcio con i miei amici, nella maniera più stupida possibile sono caduto e mi sono rotto il polso destro. la cosa più grave è che avrò il polso più flesso dell'altro e non riuscirò mai più a compiere gli stessi movimenti che farebbe un polso normale. da quando ho potuto constatare ciò sono molto triste, non esco piu di casa e penso che nessuno possa aiutarmi. probabilmente non sarei diventato comunque un giocatore proffessionista ma il solo pensiero che adesso non ho più neanche la possibilità di provarci mi fa cadere in depressione. perché è successo a me? ho solo 18 anni e non so cosa accadrà in futuro perché questo problema condizionerà le mie possibilità di trovare un lavoro e di crearmi una famiglia. se solo quel maledetto giorni fossi rimasto a casa..

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa laura rosi Inserita il 06/03/2016 - 14:03

Caro Francesco,
capisco la tua tristezza e la tua preoccupazione. E' assolutamente normale sentirsi scoraggiati ed arrabbiati, ma da ciò che scrivi mi sembra di capire che il danno da te subìto -per quanto fastidioso- non sia fortunatamente così grave.
Peraltro sono trascorsi soltanto 40 giorni dall'infortunio, tempo davvero esiguo per poter fare una previsione definitiva degli esiti.
Quello che mi sembra di leggere tra le tue parole è però una profonda tristezza e rassegnazione, come se davvero un piccolo infortunio potesse pregiudicare le tue possibilità di lavorare e addirittura di amare ed essere amato.
Ora, ovviamente subire un danno fisico non fa piacere a nessuno, ma mi sembra di capire che per te questo sia davvero devastante. Automaticamente mi chiedo: cosa significa per te?
Credo che sarebbe per te utile poter approfondire con uno/a psicologo/a, che possa sostenerti in questo momento di 'crisi'.
Inoltre, mi permetto di suggerirti di avere pazienza, consultare professionisti dell'ambito ortopedico/fisioterapico e pianificare una riabilitazione che possa ridarti più funzionalità possibile.
Il tempo e la tua giovane età saranno sicuramente tuoi alleati.
Rimango ovviamente a disposizione per eventuali dubbi o chiarimenti.
Dott.ssa Laura Rosi
Psicologa, Roma.