Lucia  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 19/12/2019

Forlì-Cesena

Disagio inspiegabile con mio padre

Salve,
è da sempre che provo un certo disagio verso mio padre. Il contatto fisico è sempre stato assente, sin dall'infanzia credo. La sua sola presenza fisica accanto mi mette disagio, ansia e nervosismo. Questo aumenta se mi sento già nervosa per altri motivi. La maggior parte delle volte non riesco a rimanere nella stessa stanza. Oltre alla mancanza di contatto non è mai esistito neanche un vero rapporto, niente confidenze, pochi dialoghi. Sebbene sia sempre rimasto in famiglia, mi è sempre apparso come un' ombra. Spesso mi chiedo il perché di questo disagio. Talvolta mi sento in colpa per provare tutto questo. Mi chiedo quale sia la causa.. Può la mancanza affettiva e di contatto nell'infanzia generare ora ciò? Oppure devo addirittura sospettare di aver subito abusi sessuali? (l'idea è spesso presente e mi disturba)

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 19/12/2019 - 17:59

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Lucia,
Il "disagio" che ha descritto può essere generato, in buona misura, dalla distanza affettiva che ha percepito nella relazione con suo padre.
Il distanziamento emotivo genera, infatti, estraniamento ("apparso come un'ombra").
Ciò che può essere utile per lei ora è porsi delle domande:
1) cosa è successo oggi che ha reso più intollerabile un "disagio" che ha provato "da sempre". Come sta più in generale? Come si relaziona agli altri uomini?
2) come mai ha ipotizzato "gli abusi sessuali"? Qualora tale dubbio diventi insostenibile per lei è opportuno indagarlo per poter stabilire se effettivamente abbia subito abusi. Questo accertamento può farlo con l'aiuto di uno psicoterapeuta. Consideri infatti, che il permanere di un dubbio così grave, rappresenta di per sé motivo di notevole tensione.
Le auguro di risolvere la sua situazione.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).