amalia domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 24/03/2015

Reggio Calabria

Come posso salvarmi?

salve, sono una ragazza di 20 anni con un passato frustante alle spalle... non ho mai avuto amiche con cui confidarmi... neanche compagne di classe, da sempre ho difficoltà a relazionarmi con le persone poichè mio padre mi ha tenuta segregata in casa sin da piccola... nel 2010 ho avuto la possibilità di iscrivermi sul famoso social "facebook" e chattare in modo virtuale mi ha aiutata un po' a rapportarmi... mi sono fidanzata nel 2011 e tre mesi dopo lo scoprì mio padre che mi fece terrorismo psicologico e minacciò di non farmi uscire più nemmeno per andare a scuola... sconfortata cercai aiuto dai parenti che lo convinsero... iniziò però un altro calvario... il mio fidanzato è l'esatta fotocopia di mio padre... il destino si burla di me... lo stress arrivò a tal punto da provocarmi "il fuoco di sant'antonio" sotto il seno con conseguente depressione... da quando mi sono diplomata esco una volta a settimana con il mio ragazzo e nel resto dei giorni non mi alzo dal letto... mangio e bevo poco e ho poca voglia di vivere... mi occorre il suo aiuto... la ringrazio

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Stefano Iovino Inserita il 27/03/2015 - 17:51

Cara Amalia,
ho letto con attenzione ciò che hai scritto. Non ho potuto non pensare alla quantità di rabbia che forse hai dentro.
Credo che l'aiuto migliore possa averlo da un percorso terapeutico grazie al quale dare spazio alle tue emozioni, alla libertà di espressione che sicuramente meriti.
Resto a tua completa disposizione.
Un caro in bocca al lupo,

Dott. Stefano Iovino
Psicologo Clinico
Specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Via G. Fiorelli, 12 - Napoli
Via G. Alfani, 46 - Torre Annunziata (Na)

Dott.ssa LYDIA CUPPARI Inserita il 27/03/2015 - 11:36

Cara Amalia, per prima cosa io indagherei sul reale sentimento che provi nei confronti del tuo ragazzo. Spesso, quando si scelgono i propri compagni, si va alla ricerca di schemi a noi noti e nel tuo caso hai ritrovato nel tuo ragazzo le caratteristiche di tuo padre. Sei giovane, hai diritto di vivere la tua vita in modo diverso. Chiedi aiuto a tua madre e ti consiglio passo dopo passo di guadagnarti dei piccoli spazi, di procedere con piccole conquiste, ad esempio con la complicità di tua madre potresti uscire un giorno in più ed iniziare ad occuparti un pò di più a te stessa e a riscoprire ciò che ti piace fare. In bocca al lupo. A presto.
Lydia Cuppari