Martina domande di Alimentazione  |  Inserita il 21/12/2016

Milano

Ansia, depressione, problemi con il cibo

Buongiorno, penso proprio che sia giunto il momento di sfogarmi e di chiedere una mano!
Vorrei fare una premessa e scusarmi per la lunghezza del post. Fin da piccola ho sempre avuto dei pessimi rapporti con mio padre, che ha divorziato da mia madre quando avevo sei anni, mi ha sempre fatta sentire inadatta, brutta, riempito di insulti e mai gratificato. Purtroppo ancora oggi non va affatto bene ma sto cercando di farmeli scivolare sempre più di dosso.
Ho sofferto di obesità, circa due anni fa ho preso in mano la mia vita e ho perso circa una quarantina di kg. Purtroppo, vivo un pessimo rapporto con il cibo, conto ossessivamente ogni caloria per paura di tornare come prima, mi tolgo troppo.. tanto da finire ad abbuffarmi dopo lunghi periodi di 'carenza', come è accaduto ieri sera, facendomi sentire ancora più enorme di come già mi percepisco.
Ho avuto una relazione nonostante fossi grassa, terminata male. E da lì è aumentata sempre più la mia insicurezza. Da poco più di un anno a questa parte sto insieme ad un ragazzo, tutto perfetto, se non fosse per il fatto che è molto più freddo e distaccato di me, caratterialmente, e che a livello sessuale non mi sento sufficientemente desiderata. Si vede che mi vuole bene nonostante il suo modo di essere, ma ho sempre bisogno di attenzioni e di affetto per via, penso, di ciò che mi è sempre mancato. E' molto schizzinoso e non ha mai voglia di fare cose nuove, abbiamo rapporti non molto spesso dato che per una cosa o per l'altra è stanco o non ha mai voglia.... ma ahimè è sempre stato così, da quando l'ho conosciuto! Non sono mai riuscita a provare veramente piacere con lui e questa cosa ultimamente faccio fatica a gestirla in quanto sta distruggendo la mia autostima, che è sempre stata bassissima. Non mi sento desiderata come vorrei, parlandone con lui non ha potuto che dirmi che è attratto da me, che mi desidera.
Nonostante abbia perso peso, continuo a vedermi enorme, non mi piaccio e spesso guardandomi allo specchio scoppio in lacrime, anche per il fatto che avendo perso peso ho la pelle un pò rilassata in alcuni punti, fortunatamente non troppo dato che faccio molta palestra, ma anche questo non aiuta! Mi fa sentire grassa quando si tratta di pelle in eccesso, flaccida. Oltre a tutto ciò da qualche mese a questa parte mi sento sempre più depressa, non riesco a concntrarmi sullo studio e non ho più voglia di uscire e di far niente, totalmente apatica. Sono spesso ansiosa, senza un apparente motivo, non dormo più nemmeno la notte.
Penso che a breve prenderò un appuntamento con uno psicologo, ma per via di situazioni economiche e poco tempo libero causa università e lavoro, non so quanto riuscirei ad essere costante.
Avrei bisogno di un consiglio per lavorare su tutto questo.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giorgia Salvagno Inserita il 22/12/2016 - 01:10

Buongiorno Martina,
da quello che racconta si può ben capire come lei stia vivendo una situazione di difficoltà che va ad interessare diverse tematiche della sua vita.
Il mio consiglio è quello di intraprendere un percorso con uno psicologo, che certamente la aiuterà a far luce sugli aspetti che ci ha raccontato. Per quanto riguarda la parte dell'alimentazione, inoltre, sarebbe utile contattare anche un nutrizionista (di solito medico o biologo specializzati in nutrizione): ne può eventualmente parlare con lo psicologo, oppure può rivolgersi a centri specifici per il Comportamento Alimentare, dove operano delle equipe formate da psicologi-psicoterapeuti, nutrizionisti e medici.
Per quanto riguarda l'aspetto economico, può contattare il Consultorio della sua ulss, in cui l'accesso è gratuito. Non è però un Servizio specialistico per le difficoltà che ci racconta, ma può essere un utile punto di partenza!
In alternativa, può cercare su internet o chiedere al suo medico di base se ci siano, nella sua città, associazioni che offrono servizi di consulenze psicologiche gratuite o a prezzo ridotto. Si guardi attorno anche tra gli psicologi privati, in quanto alcuni offrono degli sconti per studenti (io ad esempio offro agli studenti il 20% di sconto nelle sedute nel mio Studio ed il 10% di sconto nelle sedute Online). Le ricordo, inoltre, che la fattura è sempre detraibile in quanto spesa sanitaria.
Resto a disposizione.

Le faccio i miei più cari auguri!

Dott.ssa Giorgia Salvagno
Psicologa a Venezia e Online