Roberta  domande di Alimentazione  |  Inserita il 11/04/2020

Salerno

Come posso migliorare la visione su di me e il mio rapporto col cibo?

Salve, ultimamente ho ho un rapporto un po' conflittuale col mio corpo, mi vedo sempre grassa e questo mi porta a voler diminuire sempre più le mie razioni di cibo e a eliminare determinati alimenti. Da l'estate scorsa ad oggi ho smesso di mangiare latticini, affettati, fritto e dolci. I miei mi continuano a ripetere di mangiare leggermente in più, soprattutto ora che ho spesso giramenti di testa e mi esce spesso il sangue dal naso. Io mi rendo conto di star mangiando poco ma non riesco a smettere, anzi al contrario mi viene sempre più voglia di mangiare meno e solo cose che reputo sane

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Luca Zendri Inserita il 11/04/2020 - 11:59

Cremona
|

Gent.ma, servirebbe qualche elemento più preciso su peso e altezza, altrimentimil suo "vedermi un po' grassa" è difficile da intepretare. Anche io in questo periodo mi vedo ingrassare e non mi piace, ma chiusi in casa come siamo ora è difficile seguire regole alimentari razionali e sane. Avere eliminato latticini, affettati, fritto e dolci sembra un comportamento consigliato da diete e medici, quindi è difficile definirlo...anormale. I Suoi giramenti di testa e sanguinamenti invece meritano approfondomento clinici, è impossibile qui correlarli all'alimentazione. Forse sono i suoi genitori ad avere abitudini alimentari poco sane, mentre quella in famiglia che mangia correttamente è proprio Lei...ma se vuole che io sia più preciso, servono appunto dei dati più precisi su altezza, peso, età, professione, abitudini circa l'esercizio fisico....
Le auguro buoina Pasqua e....niente dolci!
Luca Zendri

Dott.ssa Claudia Irene Gambero Inserita il 11/04/2020 - 12:07

Milano - Centro storico
|

Salve Roberta,
mi spiace doverle dire che purtroppo non ci sono soluzioni preconfezionate.
Il rapporto con il cibo e la visione di sè stessi riflette aspetti profondi del nostro essere per questo il modo più appropriato per affrontare queste problematiche è quello di intraprendere un percorso psicologico.
Spero di esserle stata d'aiuto e resto disponibile per ulteriori informazioni. Non si faccia problemi a scrivermi in privato.
Saluti
Dr.ssa Claudia Irene Gambero