Claudia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 08/03/2016

Agrigento

Confusione

Salve ho bisogno di un consiglio o più che altro di parlare con qualcuno, vi spiego sono una ragazza di 26 anni fidanzata da 9 con un ragazzo che amo, la nostra relazione è basata sulla fiducia reciproca e ho sempre pensato che tradire sia uno schifo. Ho studiato 3 anni fuori casa e sono stata 6 mesi all'estero non sono mancate occasioni per tradire ma sono sempre stata fedele nemmeno un semplice bacio sulla guancia.
Ma a Settembre è iniziato tutto quello che non avrei mai pensato di fare. Il mio ragazzo mi ama , si preoccupa per me ma quando ho davvero bisogno di lui non c'è mai ad esempio c'è stato un periodo che tra università e problemi vari ero un pò depressa l'unica cosa che volevo era avere lui accanto invece lui usciva con gli amici e mi lasciava sola a casa a piangere. A Settembre è iniziato un forte periodo di stress, avevamo iniziato una nuova attività con i miei genitori e lui ha iniziato a lavorare con noi in quel periodo ha subito un infortunio ma niente di grave, mi sono trovata a gestire tutto da sola e cercavo aiuto da parte sua magari aiutandomi a fare altro, ha iniziato a dirmi che non avevo rispetto per lui non mi importava che stesse male ecc...per un mese a parte qualche messaggio non l'ho ne visto ne sentito. Dal forte stress mi viene una specie di anoressia gliene parlo ma lui fa l'indifferente.
In tutto questo tempo un ragazzo (un cliente) che si trova nel mio paese per lavoro chiede di conoscermi ma io come sempre gli dico che sono fidanzata,poi scopro che pure lui è fidanzato, non insiste ma ogni sera viene in negozio a comprare qualcosa, iniziamo a chiacchierare dopo un pò mi chiede il numero e glielo nego dopo la terza volta non so nemmeno io perchè gli do il numero.
Iniziamo a messaggiare e dopo un mese mi ritrovo a casa sua a chiacchierare, il mese successivo mi dice che lo trasferiscono, io mi sento morire perchè era l'unica persona che in quel periodo mi faceva stare bene, il mio ragazzo in tre mesi l'avrò visto solo 5 volte.
La sera prima che lui partisse ci vediamo e lo facciamo. Stranamente non mi sono sentita in colpa, era quello che volevo, convinta tra l'altro che non ci saremmo più sentiti.
Invece da Dicembre a oggi continuiamo a sentirci e abbiamo passato la notte insieme 3 volte nella sua città di nascosto, l'ultima volta è stato due giorni fa.
Lui aspetta me, che lascio il mio ragazzo per lasciare la sua ragazza e mettersi definitivamente con me. Ultimamente le cose con il mio ragazzo stanno migliorando, pensiamo di sposarci e facciamo progetti che si fanno normalmente dopo nove anni. Più di una volta ho cercato di chiudere l'altra storia, il giorno prima di incontrarci gli ho detto che non ci sarei andata perchè avevo deciso di rimanere con il mio ragazzo, ma sapevo che me ne sarei pentita e che comunque era meglio parlarne di presenza, non ne abbiamo parlato affatto e mi ritrovo più confusa di prima.
Lui mi riempie di tutte quelle piccole attenzioni che il mio ragazzo non mi da, quando sono con lui o semplicemente gli parlo a telefono sto benissimo e mi dimentico di tutto, ma poi penso ai nove anni e che comunque amo il mio ragazzo anche se sembra assurdo.
Non so cosa fare, sono in crisi totale.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Inserita il 08/03/2016 - 17:32

Gentile Claudia,
Lei dice di non aver avuto sensi di colpa dopo il tradimento, tuttavia dopo che è successo, racconta che le cose con il suo ragazzo migliorano. Non spiega però perché. Cosa significa che stanno migliorando. Il fatto di progettare qualcosa insieme (il matrimonio) è il miglioramento?

Cosa ne pensa del fatto che l'altro ragazzo "aspetta Lei" per lasciare la sua ragazza? Cosa ha provato quando glielo ha detto?

Le consiglio una consulenza con uno psicologo, anche online, perché determinate domande che forse non si vuole porre le sarebbe utili per cambiare la situazione.
Lei sembra una ragazza molto decisa quando è giustamente motivata. Ma non affrontare determinati problemi, non considerarli, potrebbe essere il motivo della confusione.

Le chiedo se rimanere con il suo fidanzato possa essere un compromesso che sente di sostenere perché in fondo lui lo conosce, mentre questo ragazzo potrebbe non mantenere le promesse date.
Ma la paura dei comportamenti degli altri potrebbe offuscare quello che realmente prova per queste due persone.

Se avesse voglia di approfondire, mi contatti pure.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino. Psicologa, Roma.
www.nonsolofreud.it