Aysel Jaeih domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 30/03/2016

E se fossi omosessuale?

Buonasera. Avevo valutato molto la possibilità di scrivere o meno un post del genere, e alla fine mi sono arresa alla mia incapacità di non trovare una soluzione al mio problema. Problema che, prrciso, mi sta arrecando parecchia ansia e disagio di recente.
Da un po' di tempo a questa parte non faccio che pensare a quale sia realmente la mia sessualità. Sono confusa, parecchio. Prima di adesso non mi ero mai posta il problema. Sono sempre stata con uomini, pur non avendo avuto chissà quante storie (quattro precisamente, e di queste quattro una in particolare mi ha distrutto enormemente ). Perfino da bambina avevo una "cottarella" per un bambino della mia stessa scuola! Ma ora non voglio giustificarmi. Sta di fatto che separarmi dal terzo ragazzo con cui sono stata mi ha fatto, forse, più male di quanto pensassi. Per farla breve, dopo undici mesi di relazione, mi ha mollato per stare con un'altra. E diciamo che anche i mesi precedenti non sono stati esattamente rose e fiori: colmi di litigi, di complessi d'inferiorità da parte mia nei confronti delle altre ragazze e gelosia per il suo modo assurdo di essere aperto (fin troppo) nei confronti di altre donne. L'ho presa molto male, e perfino le mie amiche in quel periodo non mi sono state vicino come avrebbero dovuto. In sostanza credo di non averla metabolizzata come avrei dovuto. A farmi da spalla e ad aiutarmi a superarla c'è stato solo un ragazzo che, dopo quattro mesi di solitudine in cui ancora stavo pensando a riprendermi, mi ha rivelato di essere innamorato di me. Di conseguenza, stavo uscendo da un problema e rientrando in un'altro. Dopo vari tentennamenti, visto che non riuscivo a capire se lui mi piacesse o meno, ho ceduto. Siamo stati assieme per un po', ma in tutto questo tempo mi rendevo conto che mancava quel qualcosa in più, che non c'era il trasporto emotivo che avevo per il mio ex. Non mi vedevo interessata come lo ero con lui. Morale della favola, ho chiuso la storia perché il non sapere se lo amassi o meno mi riempiva di ansia e di angoscia, e avevo cominciato addirittura a soffrire di crisi d'ansia (cosa che non mi era mai capitata prima che stessi con quel famoso ex che mi ha scottato particolarmente ). Col tempo ho capito che evidentemente queste sensazioni negative erano dovute al fatto che non ero ancora pronta per intraprendere una nuova relazione e che, probabilmente, lui non era la persona giusta per affiancarmi.
Attualmente, sto da sola da un bel po' di mesi.
Però da un po' di tempo a questa parte ho cominciato a chiedermi...E se fossi omossessuale? Se questa mia scarsa voglia di impegnarmi o di avere una relazione fosse dovuta al fatto che sono lesbica?
Da questo pensiero, sono partite ansie e paranoie varie. Le crisi sono tornate, e ho cominciato a sentirmi a disagio anche alla sola idea di essere abbracciata da un uomo. Più cerco di trovare prove della mia sessualità, qualunque essa sia, più mi viene l'ansia.
Poco fa ho immaginato di venire abbracciata da un uomo e mi sono sentita a disagio. Stessa cosa vale per le donne: mi faccio mille domande. Se penso che una donna sia bella, se il mio sguardo cade anche solo per distrazione su parti intime di una ragazza mi sale subito il disagio. Una vocina nella mia testa dice "vedi! Vedi, guardi le donne, non vuoi sentire parlare di relazioni, solo il pensiero di essere toccata da un uomo ti nette a disagio...Sei certamente lesbica!"
Cosa mi sta succedendo...?
Per favore aiutatemi perché io non riesco più a vivere così...

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 31/03/2016 - 10:12

Cara Aysel Jaeih, i dubbi relativi alla propria sessualità non sono poi così rari e riguardano tante persone, soprattutto in determinate fasi della vita. Tuttavia, leggendo la tua storia mi è venuto anche da pensare che il tuo disagio attuale potrebbe non avere a che fare strettamente con l'orientamento sessuale, ma potrebbe rappresentare l'estremizzazione di uno stato di malessere preesistente. Tu dici che la tua scarsa voglia di impegnarti in una relazione potrebbe essere dovuta al fatto che sei omosessuale. Senz'altro è un'ipotesi plausibile, ma ce ne sono anche altre. Ad esempio è possibile che non hai elaborato adeguatamente la rottura della relazione con il tuo ex e ora temi di legarti ad altre persone, come è normale che sia. La rottura di alcune relazioni importanti, infatti, può rappresentare un vero e proprio trauma che va gestito adeguatamente. Tu stessa dici che probabilmente non l'hai metabolizzata bene.
Inoltre, da quello che riporti mi sembra di capire che potresti avere una scarsa stima di te e un forte senso di insicurezza personale, che potrebbero essersi acutizzati nello stato di stress e di crisi in cui ti trovi attualmente, portandoti a sviluppare una forte confusione.
Le mie sono solo ipotesi e spero che ti abbiano fornito qualche spunto di riflessione. Per approfondimenti ti consiglio una consulenza psicologica. In bocca al lupo.

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 30/03/2016 - 17:13

Cara Aysel,
Sembra disorientata e bisognosa di una bussola. Le consiglio di effettuare una consulenza psicologica, anche on line va bene, per focalizzare bene la situazione.
Mi contatti privatamente se vuole.
Un caro saluto .
D.ssa Loredana Ragozzino