Julie domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 10/12/2015

Milano

Sentirmi sola

Buonasera,
sono una ragazza di 19 anni, sono certa e vorrei da anni cominciare ad andare da uno psicologo.. ma non credo di averne mai avuto il coraggio.
Credo di essere molto sensibile.. e mi faccio prendere dalle situazioni ed emozioni in maniera forse troppo esagerata.
Diciamo che se voglio bene a qualcuno trascuro quasi me stessa pur di aiutarlo, capirlo, ascoltarlo e prendermi cura di lui... ma ci sono momenti in cui sono sola... e impazzisco entro in un tunnel nero.. di tristezza e di necessità che mi riguardano ed è frustrante capire che non riesco a farmi del bene o a star bene con me stessa.
Avrei diverse cose di cui parlare, ma al momento ho un ragazzo.. con cui la comunicazione è davvero difficile, ormai ci ho rinunciato a parlare dei miei problemi con chiunque.. ma ogni tanto con lui sento la necessità di parlarne... ma è troppo fissato su di sé, e se qualcosa di cui gli parlo tocca argomenti che a lui non piacciono evita il discorso dicendo che a lui tanto va bene così... solo che sono io che ci sto male.
Non credo che al mio ragazzo interessino i miei sentimenti o in generale come sto, pur commettendo atteggiamenti nocivi e aggressivi da parte sua verso di me e provando a parlarne, lui ci gira intorno in qualche modo diventando lui la vittima .
E mi ritrovo io a star male per entrambi.
Non so come altro spiegarlo.
Ho scritto probabilmente troppo di getto..
Spero in un qualche consiglio.
Grazie per avermi ascoltata.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Bonanni Inserita il 10/12/2015 - 16:58

Buonasera Julie,

comprendo il suo malessere, quello di una persona che si sente sola e che nella vita ha sempre aiutato gli altri ma non si è mai sentita capita allo stesso modo dell'aiuto che ha sempre offerto alle persone, succede quando in famiglia o nelle relazioni piu' importanti vi è una mancanza importante dal punto di vista affettivo, affronti senza paura la possibilita' di parlarne con uno psicologo di certo puo' aiutarla a stabilire un legame importante con una persona che possa capirla e farle guardare il mondo con occhi diversi,

Saluti
Dott.Giuseppe Bonanni
www.psicologiainnapoli.it

Dott.ssa Michela Vespa Inserita il 11/12/2015 - 08:49

Gentile Julie,

se hai trovato il coraggio di scrivere su questo portale e chiedere un consiglio, puoi riuscire anche a farlo di persona. Ed è, francamente, quello che ti consiglio vista la situazione che descrivi.
Un percorso di crescita personale ti aiuterà a capirti meglio ed anche a gestire i tuoi rapporti interpersonali in modo che ti apportino benessere, e non il contrario.
Devi fare solo un piccolo sforzo in più, ma ne varrà la pena.

Cari saluti,
Michela Vespa
Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dott.ssa Eleonora Minacapelli Inserita il 10/12/2015 - 17:12

Cara Julie,

Decidere di intraprendere un percorso su di sè è sicuramente una scelta che richiede tempo.

Dai tanti pensieri espressi qui, emerge fortemente il Suo bisogno di essere ascoltata. Bisogno che cerca anche nel suo compagno senza trovare il riscontro che si aspetterebbe e provando una grande sofferenza.

Il mio consiglio è di cercare quel coraggio, che risiede in Lei e che le ha consentito di decidere di scriverci qui oggi, per rivolgersi uno Psicologo della Sua zona che le consenta di capire la natura del suo stile relazionale e dell'intensa sofferenza che descrive, indicandole il percorso più adatto da affrontare. Si prenda il tempo che Le serve.

Essendo una persona giovane, molto sensibile e motivata al lavoro su di sé, ha tutte le carte per poter giovare al meglio di un intervento come il nostro.

A disposizione per necessità.

Un cordiale saluto

Dott.ssa Eleonora Minacapelli
Psicologa Neuropsicologa Milano

www.eleonoraminacapelli.com