Anna  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 28/08/2019

Napoli

Depressione durante ovulazione

Buongiorno, da un po' di tempo ho imparato ad 'ascoltare' il mio corpo, il quale durante il periodo dell'ovulazione, cambia totalmente il mio modo di essere nella quotidianità. Arrivo subito al dunque: ho 29 anni, convivo con il mio fidanzato di 37 con il quale ho un ottimo rapporto, e sento un forte desiderio di gravidanza e maternità, cosa però che lui rimanda ancora a lungo per una serie di motivi lavorativi ecc. Il problema però è che, durante l'ovulazione, il mio corpo mi trasmette impulsi molto forti, sento di essere pronta al 100% per affrontare una gravidanza ma mi ritrovo sempre a sopprimere questo desiderio, e di conseguenza ho una fortissima depressione accompagnata da crisi di pianto ingiustificato, umore triste, sensibilità verso ogni cosa, rabbia e nervosismo (a parte dolori fisici come forte tensione al seno e alla pancia). Mi sembra di aver letto da qualche parte che questo tipo di sintomi sono chiamati 'Disforia premestruale' ma non ne sono certa. Ho provato più volte a parlare con il mio fidanzato del desiderio di maternità e la conseguente depressione ma capisce fino ad un certo punto in quanto come già detto prima, al momento non vuole figli. Capisco anche le sue motivazioni ma a lungo andare ho paura che questo mio stato di angoscia possa gravare anche sulla nostra storia, perché nonostante cerco di reagire e nascondere la tristezza, è solo per non discutere e farlo stancare. Questo dura circa una settimana, esattamente subito dopo il ciclo e quindi durante l'ovulazione, dopodiché tutto tranquillo. Credo che tutto ciò sia dovuto non solo dai cambiamenti del mio corpo ormai 'maturo' ma anche dal contesto sociale in cui vivo dove molte mie amiche e coetanee sono diventate madri.Vorrei avere dei consigli su come reagire e comportarmi, magari un supporto morale, affinché possa essere più serena. Grazie di cuore

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 28/08/2019 - 12:18

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Laura,
Da ciò che narra, mi pare di capire che la sua domanda presenti due aspetti da analizzare: la questione della disforia mestruale e il posticipare la gravidanza da parte del suo compagno.
Quindi, per essere più serena, è indispensabile che faccia più chiarezza su queste questioni, ponendosi ad esempio alcune domande: cosa significa per lei avere un figlio? Come si sente nel confrontarsi con le sue amiche che sono "madri"? Come si sente quando il suo compagno le dice che vuole rimandare il progetto della gravidanza?
Cosa teme possa accadere qualora il progetto gravidanza venga ulteriormente posticipato nonostante lei avverta che il suo corpo sia "ormai maturo"?
Consideri, infatti, che la sindrome premestruale e il suo desiderio di gravidanza insoddisfatto sembrano essere associati e reciprocamente influenti.
Quindi, è possibile che i sintomi che ha osservato rappresentino la manifestazione di un suo malessere più generale che va accuratamente approfondito, se desidera risolverlo e stare bene.
Una consulenza psicologica individuale può aiutarla in questo.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).