Rossana  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 10/05/2019

Agrigento

Depressione?

Salve,ho 31 anni sono sposata da 3 e ho un bimbo.Vi scrivo perché sto vivendo un periodo buio in cui ho perso la voglia di fare tutto.Resterei volentieri a letto tutto il giorno e se mi alzo la mattina è solo per Mio figlio.Penso che la causa di ciò sia il mio non riuscire a farmi scivolare addosso la cattiveria di mia suocera.Vivo accanto a lei in un posto lontano dal centro abitato in un nuovo paese, non ho amicizie e quel poco di famiglia che mi rimane non mi è d'aiuto. Non vIvo bene qui con lei che è una presenza invadente nel mio matrimonio e con mio figlio.Cerca sempre di sottolineare come lei sia migliore e come mio figlio stia meglio con lei..Mi ha addirittura detto che se ne avessi un altro uno lo crescerebbe lei perché io non sarei in grado con due.Ho parlato con lei e con mio marito con le buone e le cattive ma anzi ho peggiorato le cose..Lei si è messa a fare dispetti..mio marito per il quieto vivere dice di lasciare stare e che sono io la fissata e che se proprio me ne voglio andare di farlo ma senza il bambino. Come faccio a vivere più serena cercando di farmi scivolare addosso le cattiverie ma allo stesso tempo farmi rispettare?io non ne sono proprio capace...ultimamente non sono capace a fare niente..Forse sono esagerata a reagire cosi di fronte a questa situazione ma non ce la faccio più..Vorrei solo andare via lontano...Cosa che purtroppo è impossibile.. Mi sento in trappola..In una gabbia che non mi consente di vivere la mia vita serenamente

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giorgia Caramma Inserita il 10/05/2019 - 14:21

Padova
|

Cara Rossana,

Dal tuo racconto più che una depressione (non dobbiamo per forza metterci delle etichette diagnostiche!) traspare una grossa insofferenza e una frustrazione data dalla situazione in cui ti trovi e dalla relazione non positiva ma quasi distruttiva con questa suocera.
Potrebbe esserti utile cercare il supporto di uno psicologo in un momento in cui hai bisogno di rafforzare la capacità assertiva per mettere dei limiti nel rapporto con questa suocera che senti invadere i tuoi spazi e per coltivare un'autostima magari messa alla prova da questi cambiamenti di vita, dato che purtroppo l'opzione dell'allontanamento fisico non mi sembra viabile.

Se desiderassi approfondire contattami pure al 3497848144.
Ti auguro una buona giornata!
Dott.ssa Giorgia Caramma (Padova - Ragusa - online)
www.loradellapsicologia.it

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 10/05/2019 - 14:51

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Rossana,
comprendo e condivido il suo malessere che mi sembra sia originato, in primis, dal fatto che sia sola affettivamente nell'accudimento di suo figlio.
Ossia non può avvalersi del sostegno e della protezione emotiva che rapppresetano aspetti essenziali nella costruzione dell'identità di ogni mamma.
Infatti, da ciò che scrive, suo marito è assente emotivamente e, al momento, sembra non aver compreso le sue difficoltà, ma antepone ad esse "il quieto vivere".
Conseguentemente, lei si trova in una posizione di fragilità emotiva che la espone alle "cattiverie" di sua suocera.
Considerando il quadro descritto, è comprensibile che si senta "depressa" e che abbia "perso la voglia di fare tutto".
Per risolvere la situazione, è innanzitutto essenziale che ristabilisca l'alleanza di coppia con suo marito, cioè che provi a rientrare in contatto emotivo con lui. Non avendo altre info a riguardo, non saprei darle consigli circa le modalità in cui realizzare ciò, perchè non so quali siano le risorse della coppia.
Ad ogni modo, se la situazione dovesse diventare per lei insopportabile, le consiglio di richiedere una consulenza psicologica individuale che possa aiutarla a fare maggiore chiarezza sulla sua situazione e anche a ricostituire la sua famiglia insieme a suo marito e suo figlio.
Se desidera approfondire la questione, può scrivermi o contattarmi.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).