Matilde Orsecci

Dott.ssa Matilde  Orsecci  Psicologa Psicoterapeuta albo #6685 - Toscana

  •  RM
    provincia
  •  0
    apprezzamenti

   Descrizione

Ciao! Qualche riga rispetto alla mia formazione itinerante: a Padova sono diventata psicologa clinico dinamica, a Pisa mi sono specializzata in psicoterapia analitico transazionale ad indirizzo psicodinamico, a Fiesole e Firenze ho studiato musica per poi diplomarmi a Livorno in Viola. Attualmente lavoro tra Roma e Firenze. Mi piace trovare sempre nuove strade di incontro tra musica e psicologia, così faccio parte della World Doctors Orchestra, l'orchestra mondiale di Dottori che suona a giro per il mondo per concerti il cui ricavato va alla ricerca; ho lavorato per sei anni nei reparti dell'Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze come Musicista in Corsia, insieme ad un meraviglioso gruppo di colleghi; ho uno sportello di ascolto e sostegno psicologico per musicisti presso la prestigiosa Scuola di Musica di Fiesole.

Per quanto riguarda la psicoterapia, lavoro con l'Analisi Transazionale, modello che ho conosciuto durante gli anni dell'università e che ho potuto approfondire e sperimentare in prima persona grazie ad un lungo percorso di psicoterapia personale, scoprendone la potenza e l'efficacia, apprezzando la semplicità e condivisibilità del suo linguaggio.

Mi piace moltissimo lavorare con adolescenti, giovani adulti, bambini e genitori.

Lavoro sia con la psicoterapia individuale che con la psicoterapia di gruppo. Collaboro in équipe con altri professionisti e mi tengo aggiornata con seminari, convegni, giornate studio, supervisioni. Lavoro seguendo le norme e le regole del Codice Deontologico degli Psicologi e del codice etico dell'EATA - European Association Transactional Analysis.

Credo profondamente che ognuno di noi abbia la possibilità di CAMBIARE, liberarsi delle prigioni che si è costruito attorno a sè, e recuperare finalmente consapevolezza, spontaneità e intimità, quelle tre capacità che Berne, il padre dell'Analisi Transazionale, definiva AUTONOMIA.

Perché andare dallo psicologo? Tutti noi abbiamo sperimentato almeno una volta nella vita un forte momento di crisi: una delusione d’amore, un lutto, la fine di una relazione importante, un trasloco, un cambiamento che ci spaventa. Oppure abbiamo in qualche modo imparato a convivere con ansie, stress, nervosismi, poca autostima, disagi, litigi con i propri genitori o con i propri figli, e ci portiamo dietro un bagaglio di frustrazione e insoddisfazione. La parola CRISI deriva dal greco krìsis e significa scelta, rappresenta quindi una OPPORTUNITA’. Chiedere aiuto ad un professionista competente durante un momento di sofferenza non significa essere “pazzi”, significa mettersi in gioco e scegliere di trovare nuove strategie per superare le difficoltà e migliorare la qualità della propria vita, perché quelle che abbiamo utilizzato fino ad ora non funzionano più tanto bene e ci procurano dolore.

"Ci cuciamo addosso una storia che dà un senso alla vita, e durante i momenti di impasse, incertezza o crisi, questa va in pezzi e deve essere ricostruita. In tali momenti di dissolvimento si trova l'opportunità per la reintegrazione delle parti separate del sé, della propria storia e delle proprie speranze e sogni. Cadere in pezzi implica la possibilità di reclamare i nostri frammenti perduti"

(Stuthridge, 2017).

   Percorsi di crescita

  • Comunicazione efficace

   Approcci terapeutici

  • Analisi transazionale
"Una scelta è come un salto: ti spaventa, lo rimandi.. ma se ti butti, è libertà" R. De Santis