Angela Beatrice Marino

Dott.ssa Angela Beatrice  Marino  Psicologa Psicoterapeuta albo #10578 - Milano

  •  MI
    provincia
  •  0
    apprezzamenti
  •  si
    prima consulenza gratuita in studio

   Descrizione

La Dott.ssa Marino si è laureata in psicologia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano nel 2004, iscritta all'albo della regione lombardia (nr. 10578). Ha conseguito la specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale presso Studi Cognitivi di Milano e in terapia EMDR per l'eleborazione dei lutti e dei traumi.

Si è specializzata nel trattamento dei disturbi d'ansia e attacchi di panico attraverso il protocollo Andrews presso l'ASST Fatebenefratelli U.O. Luigi Sacco di Milano, al Notec - Nucleo operativo terapia cognitivo-comportamentale diretto dal Dott. Gabriele Catania, dove gestisce gruppi terapeutici, colloqui diagnostici di assessment e terapie individuali.

Dopo una attenta valutazione del paziente della sua storia di vita e dei suoi disturbi, la Dott.ssa Marino è solita concordare con la persona il percorso terapeutico a lei più congeniale, prevedendo l'utilizzo delle tecniche e degli strumenti più appropriati (REBT, test diagnostici, questionari, interviste, ristrutturazioni cognitive, tecniche comportamentali, EMDR), sempre mantenendo il focus sulla relazione terapeutica e l'empatia, elementi essenziali per una buona riuscita del percorso.

La Dott.ssa Marino si occupa di disturbi d'ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi alimentari, disturbi di personalità; fornisce supporto nei percorsi di crescita personale, supporto alla genitorialità, sostegno psicologico per difficoltà scolastiche e lavorative.

Riceve privatamente ad Arese (Mi) in via Don Natale Fedeli 5.

Indirizzo studio Angela Beatrice
   50  € in studio a partire da

   Percorsi di crescita

  • Crescita personale

   Approcci terapeutici

  • Terapia cognitivo comportamentale
"Iniziare un nuovo cammino spaventa. Ma dopo ogni passo che percorriamo ci rendiamo conto di come era pericoloso rimanere fermi." Roberto Benigni