Sara Incani

Dott.ssa Sara  Incani  Psicologa Psicoterapeuta albo #6079 - Piemonte

  •  TO
    provincia
  •  3
    apprezzamenti

   Descrizione

Sono la Dott.ssa Sara Incani, psicologa e psicoterapeuta orientamento analitico Junghiano, psicologa del lavoro.

Perché rivolgersi allo psicologo? All'origine, una domanda profonda.

Difficoltà a gestire le relazioni interpersonali e famigliari, preoccupazioni nel vivere il legame di coppia, disfunzioni sessuali, elaborazione del lutto e separazioni affettive, disturbi alimentari, scelta del percorso lavorativo, stress correlato al lavoro, burn out, cambiamenti improvvisi nell’assetto di vita routinario, scarsa fiducia in se stessi, difficoltà nel percorso formativo/scolastico, disturbi del sonno, ipocondria e disturbi psicosomatici, senso di malessere diffuso, insorgenza di malattie, attacchi di panico, ansie, angosce, paure.

Spesso queste situazioni ci rapiscono, sottraendoci ad una vita serena, lasciandoci incapaci di reagire e di trovare una spiegazione, una causa o un senso.

La richiesta del supporto di un professionista è il primo passo per prendere in mano la propria vita, affrontare le difficoltà e decidere di dare una svolta alla sofferenza.

Il percorso che propongo si rivolge sia adulti, sia ad adolescenti e viene valutato attentamente con la persona coinvolta, con particolare attenzione alla specifica domanda di cura.

Il mio orientamento

L'approccio psicodinamico ha l'obiettivo di andare alla radice dei problemi, oltre il sintomo manifesto. Quello che interessa è invece ricercare quanto è sommerso, non ancora accessibile alla coscienza, ponendosi in dialogo con le immagini inconsce, non soltanto attraverso il canale verbale ma attraverso modalità espressive come il disegno.

Il mio lavoro di psicologa psicoterapeuta, basato sul pensiero della Psicologia Analitica di Carl Gustav Jung, prevede l'ascolto profondo e l'analisi del vissuto individuale, attraverso una relazione di scambio. Propongo un percorso rivolto ad adulti e adolescenti che aiuti una maggiore presa di coscienza, di consapevolezza, di acquisizione della capacità di interrogarsi, alla scoperta del proprio mondo interiore. Si tratta di una possibilità che ognuno di noi può scegliere di concedersi: uno spazio unico e protetto dove sentirsi liberi di esprimere le proprie fantasie, pensieri, ansie, malesseri, paure, nel tentativo di dare loro un significato. 

L'obiettivo di un percorso psicologico è di sviluppare un cambiamento di prospettiva e una differente capacità di lettura di quanto ci accade, affidandosi ad un canale privilegiato per mettersi in dialogo con se stessi grazie alla propria volontà, impegno e alla relazione terapeutica con un professionista.

Presso il mio studio di Torino offro consulenza psicologica ad adolescenti, adulti e anziani.

 

Esperienza

Esercito la professione privata di psicologa nella città di Torino, ho conseguito il titolo di psicoterapeuta seguendo il percorso quadriennnale di specializzazionein psicoterapia analitica presso la Scuola Li.s.t.a di Milano; conduco laboratori espressivi artistici e seminari per adulti e adolescenti sulla creazione di immagini come strumento per lavorare su di sé,conduco seminari formativi, nelle scuole, con adolescenti sulla gestione delle emozioni, dell'affettività, sui temi della violenza e dell'aggressività;  

Dal 2017 faccio parte del team di organizzazione e studio del progetto "Arti x tutti", promosso dall'associazione Lab Pop, unitamente a un nutrito gruppo di professionisti nell'amibito della cura della persona (http://www.artixtutti.com/).

Ho operato presso sportello di ascolto psicologico del comune Castagnole Piemonte (TO). 

In qualità di componente dell’Associazione Viola (Studio e psicoterapia della violenza, sul territorio e presso istituiti penitenziari), mi sono occupata di casi di violenza contro la persona, presso la Casa di Reclusione di Milano – Bollate. Ho collaborato, in qualità di tirocinante per la scuola di specializzazione in psicoterapia,  con una comunità terapeutica di tipo "B" della provincia di Torino (Il Barocchio - ASL TO3) seguendo progetti terapeutici individuali riabilitativi rivolti a pazienti psichiatrici in fase non acuta, all'interno di una soluzione residenziale e terapeutica di medio-lungo periodo.

Come psicologa del lavoro pongo un attento sguardo alle dinamiche organizzative relazionali e alle dimensioni gruppali che si sviluppano nei contesi lavorativi, osservate e analizzate grazie all'esperienza pluriennale presso una grande azienda del settore automotive. Nell'ambito organizzativo, mi occupo della valutazione dello stress lavoro-correlato in qualità di consulente. 

All'interno dell'Associazione Viola di Milano, composta da un gruppo di psicologi e di psicoterapeuti di orientamento psicoanalitico, l'obiettivo principale è stato quello di comprendere, attraverso lo studio, la ricerca, il confronto e l'analisi dei casi, le motivazioni sottese all'esercizio della violenza nelle sue declinazioni più profonde. Questa, infatti, non si connota soltanto in termini di violenze fisiche e sessuali e soprattutto, non per una differenziazione di genere unidirezionale. Si tratta di un tema molto complesso che si sviluppa e trova le radici all'interno delle relazioni primarie, interpersonali, ma che non può prescindere da uno specifico assetto culturale costituitosi in secoli di storia dell'umanità.

Il lavoro si è rivolto al supporto e alla cura di soggetti che hanno sentito dentro di sé pulsioni violente o inaccettabili per la coscienza, a coloro che già hanno messo in atto comportamenti violenti (omicidi, violenze sessuali, fisiche, psicologiche, comportamenti pedofili, molestie, abusi, percosse, minacce, stalking, etc.). L'attività si è svolta principalmente negli istituiti penitenziari, con pazienti privati e sul territorio.

 

Indirizzo studio Sara
Lo psicologo non ha ancora pubblicato
informazioni sul suo tariffario.

   Percorsi di crescita

  • Crescita personale

   Approcci terapeutici

  • Terapia analitica
"Lo scopo cui miro è di provocare uno stato psichico nel quale il mio paziente cominci a sperimentare la propria natura [...]" (C.G. Jung)