Federica domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 13/02/2018

Scegliere tra un bivio

Salve, ho 26 anni e una relazione con un uomo da 11 anni tra cui un anno di convivenza. ..nonostante ciò Marzo 2017 ho iniziato un'altra relazione con un altro uomo sposato in fase di separazione con 20 anni di differenza con me. La relazione con quest'ultimo ha messo in crisi il mio rapporto con il mio coniuge tanto che non riesco neanche più a tollerare la sua presenza in casa perché lo vedo come un ostacolo per la mia nuova relazione. L altro uomo l ho conosciuto in un suo momento di debolezza essendo afflitto dal tradimento di sua moglie e io gli sono stata vicino da qui è nato un qualcosa di forte. Il mio compagno ha fatto e fa tutt' ora di Tutto per cercare di recuperarmi ma io non riesco a esser quella di prima nei suo confronti perché mi sento innamorata dell' altro uomo. Io vorrei un aiuto per capire bene quale scelta sia migliore per me se abbandonare la .Ia relazione di 11 anni o proseguire questa nuova storia entusiasmante. Grazie dell'attenzione aspetto un vostro aiuto cordiali saluti

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa maria assunta consalvi Inserita il 13/02/2018 - 19:00

Gentile amica quando un terzo riesce ad insinuarsi in una relazione vuol dire che nella coppia c’è già qualche difficoltà. Quando il legame è solido difficilmente c’è spazio per altri. Molto probabilmente in questi undici anni ci sono stati dei comportamenti, mai chiariti, che l’hanno amareggiata. Questo può aver generato frustrazione con conseguente allontanamento emotivo dal Suo compagno. Rendendola disponibile per un nuovo innamoramento. Prima di avventurarsi in una nuova relazione che ora percepisce meravigliosa, quando si è innamorati, inizialmente è sempre così, l’aspetto negativo emerge solo in un secondo tempo, tenterei di andare in dietro con la memoria per far riaffiorare i ricordi del tempo trascorso insieme al Suo compagno. Per fare ciò necessita il supporto di un terapeuta della coppia. Riguardo all’uomo nuovo sarei molto cauta. L’ha incontrato, per Sua stessa ammissione, in un periodo buio della Sua vita, il Suo più che un sentimento d’amore potrebbe essere istinto di sopravvivenza per accorgersi, una volta ritrovato il Suo equilibrio, di avere avuto un abbaglio. Qualora le mie ipotesi fossero fondate le Lei stessa potrebbe essere vittima dello stesso errore.
Auguri
Dott.ssa M.A. Consalvi

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 15/02/2018 - 10:05

Buongiorno Federica,
mi sembra che lei sia molto proiettata sulla nuova relazione che definisce come "entusiasmante" mentre la descrizione della precedente relazione sembra sbiadita, stanca, momotona. é come se lei avesse bisongo di qualcosa di nuovo per sentirsi bene. quindi è importante per lei chiedersi, indipendentemente dalla situazione specifica che descrive, che rapporto ha con la routine e con il cambiamento, che significato attribuisce a queste due opposte condizioni, come si sente quando si trova in ognuna di esse.
La invito a filettere su questo perchè mi sembra interessante soffermarsi su un particolare temporale negli eventi che ha descritto: la nuova relazione è iniziata in corrispondenza dell'inizio della sua convivenza. La nuova relazione può essere un modo per sfuggire ai cambiamenti ed evoluzioni accaduti nella precedente. Inoltre, mantenere due relazioni contemporaneamente è una circostanza nuova o le è già successa. Cosa intende per amore?
Come vede ci sono stati quesiti che attendono delle risposte che possono esserle utili per prendere la decisione più giusta per lei.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)

Dott.ssa Veronica Cascone Inserita il 14/02/2018 - 13:22

Buongiorno Federica,
la risposta è dentro di lei. Ha diverse alternative davanti a sè, la scelta deriva dai sentimenti che prova. Indagherei di più sulle cause di questa crisi coniugale, si prenda del tempo per valutare e decidere in maniera lucida.
Auguri
Dott.ssa Veronica Cascone (Bologna)