Francesca  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 19/04/2020

Milano

Relazione clandestina: “lasciata” durante la quarantena

Ciao,
Sono Francesca e fino al giorno prima della quarantena vivevo una storia "clandestina" con un uomo che aveva già una famiglia.
La storia non è mai stata facile anche prima di questa quarantena ma fino a 24 ore prima tutto era "normale", la nostra normalità.
Passata una settimana, in cui ci siamo continuati a sentire (non evitando di esprimere desiderio di rivederci presto ma anche desiderio fisico) ricevo la sua chiamata.
In questa chiamata mi dice di avere riscoperto la famiglia e che dovremmo "sfruttare" questo momento per mettere fine a questa storia.
Io sono innamorata di lui. Vivo questa quarantena sola e con cuore spezzato.
Le crisi di pianto sono continue e mi sento di aver fallito e di non poter far nulla per poter migliorare la mia situazione.
Come posso in questa condizione ritrovare la serenità e non continuare a chiedermi se finita la quarantena lui tornerà da me?
Un saluto

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Annalisa De Filippo Inserita il 01/05/2020 - 19:09

Sesto San Giovanni
|

Gentilissima, comprensibile la sua sofferenza essendo innamorata di lui. Ma la inviterei a riflettere sul suo comportamento: ha deciso di metterla da parte, un po' dall'oggi al domani, senza pensare a come potesse stare lei visto anche il periodo delicato della quarantena. Un po' egoista, no? Forse è quello che ha caratterizzato la vostra storia anche in precedenza? So che è difficile ma quello che può fare è cambiare la domanda da "finita la quarantena lui tornerà da me? con "merito di essere trattata così?" perché se dopo la quarantena tornasse... L'ipotesi del "faccio quello che mi fa più comodo", sarebbe ulteriormente confermata. Colga questo momento di crisi per prendere n mano la sua vita... Merita di essere felice.
Un saluto.
Dott.ssa Annalisa De Filippo, Psicologa Psicoterapeuta

Dott. Fabio Rapisarda Inserita il 19/04/2020 - 18:12

Buongiorno, capisco il suo dolore, per lei questa è stata una storia importante. Però le chiedo se questa esperienza non possa essere per lei un presupposto utile di riflessione. Perchè non chiedersi se, invece di riprovare a ritornare con lui, non sarebbe il caso, dopo un periodo di elaborazione, cercare una persona libera con la quale impostare una serena relazione affettiva ?
Pensa di non meritare di potere avere un uomo tutto per lei ?
Molto spesso momenti di crisi come questi, anche se ci fanno soffrire, poi possono aiutarci a trovare un nuovo equilibrio più funzionale rispetto a quello precedente. Spero di esserle stato utile. Se necessita, non esiti a contattarmi.