Valentina  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 04/02/2020

Firenze

Troppa paura di soffrire come lasciarsi andare

Buonasera,
sono una ragazza di 32 anni che vive fuori Italia da già 7 anni, sempre stata single nei 7 anni con pochissime uscite ma tutte cose brevi non più di 3 mesi. Ho sempre giustificato questa cosa con la mia voglia di tornare a casa che automaticamente fissava un muro solido che chiaramente trasmettevo all' altro. Mi ha aiutato anche la mia estrema determinazione nel sapere cosa volere o meno dall' aktra persona e nessuno ha mai soddisfatto a pieno il mio ideale di Uomo.
Quando ormai ero pronta a tornare sia lavorativamente che personalmente, conosco in un negozio in maniera occasionale la persona che già e presente nella mia vita da 6 mesi.
Abbiamo vissuto tutte le fasi passando i primi mesi in maniera idilliaca coincidendo molti viaggi insieme, tutto perfetto.
Lui ha 36 anni con una storia di durata 18 anni, due figli alle spalle, finita un anno fa. Una relazione "obbligata" da eventi.
Insomma, stiamo benissimo, i suoi difetti sono tutti divertenti e niente di tremendo per me.
Abbiamo avuto una prima discussione per un suo dire " apprezzo di essere single " stupidaggine che in un giorno delicato per una donna mi ha disturbato ma sinceramente credo che faccia tante cose belle per me che non ha valore nessuno quella parola.
Lui sta con me appena può ed è sempre premuroso nei miei confronti.
Il problema sono io, io realmente credo che sia una persona splendida per me ma le mie paure mi limitano moltissimo.
In una conversazione mi ha detto una cosa che mi ha fatto riflettere, mi ha detto che io voglio far vedere qualcosa che non sono, Lui vede in me dolcezza mentre io mi definisco sempre una persona fredda. Adesso ho paura che le mie paure limitino mostrarmi come realmente sono, negli anni sono diventata così, ho imparato a direzionare tutto come voglio io, senza lasciarmi veramente andare a ciò che si presenta davanti a me.
Adesso lui è in viaggio e io lo sento distante ma non so quanto sia io a sentirlo così o quanto realmente lo sia. Quel dubbio infinito di sapere sono io o no?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Fabio Rapisarda Inserita il 06/02/2020 - 02:26

Salve, la paura di lasciarsi andare e di direzionare, spesso sono legate al volere controllare per paura di essere abbandonati. Vorrebbe amare, lasciarsi andare, ma la paura che poi possa essere abbandonata, molto probabilmente crea il limite che ha accennato. Le vorrei fare qualche domanda: Si fida poco degli altri ? Pensa che non siano affidabili ? Pensa che non merita di essere amata o non può esserlo ? Le risposte potrebbero darle qualche indizio sul perchè lei agisce in una certa maniera soprattutto nelle relazioni affettive. Consideri l'opportunità di parlarne liberamente con uno specialista.