Giulia  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 14/12/2018

La Spezia

Consiglio prima volta

Buongiorno sono Giulia e ho 25 anni , sono fidanzata da 6 anni con il mio ragazzo ma non abbiamo mai fatto l’amore ; a dire il vero tra me e lui c’è molta poca intimità forse il problema sta proprio lì ; da un po’ di tempo a questa parte ho conosciuto un uomo , da subito si è creata una certa sintonia ma niente di più , si stima .. si ci vedeva in occasioni lavorative e si scambiavano due discorsi ...poi lui ha manifestato un interesse nei miei confronti e abbiamo iniziato a frequentarci solo che mi trovavo in difficoltà proprio per il fatto di non avere esperienza e non riuscivo a dirlo anche se lui chiaramente vedeva che c’era qualcosa che non andava anche se non pensava di certo fossi ancora vergine ma ha sempre rispettato i miei tempi ..
Da quando gliel’ho confessato è diventato ancora più dolce e premuroso..
Sto imparando a lasciarmi andare con lui e sento che potrebbe essere con lui la prima volta .. solo un problema mi preoccupa la differenza di età che è molta .. lui ha 58 anni però io sto molto bene con lui e non so come comportarmi .
Oltre che sentirmi in colpa per quello che sto facendo alla mia relazione, leta mi spaventa un po’ ma non di per se per quello ma proprio per il fatto di essere ancora vergine e lasciarmi andare con un uomo così grane rispetto a me .
Vorrei qualche consiglio da voi .
Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 14/12/2018 - 14:16

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Giulia,
il primo consiglio che posso darle è chiarire la sua posizione con il suo ragazzo, esplicitando la questione relativa all'uomo che sta frequentando.
In questo modo potrà tutelare se stessa, poichè se è realmente interessata all'uomo descritto, sarà libera di conoscerlo e valutare con calma la cosa.
Inoltre, potrà rispettare la relazione con il suo attuale ragazzo, chiarendo fin da subito che ha altri interessi, in modo da affrontare efficacemente i "sensi di colpa" per un eventuale relazione parallela.
Per quanto riguarda la sensazione di "spavento" a cui accennava, è consigliabile che approfondisca la conoscenza dell'uomo che ha descritto in modo da valutare con tranquillità cosa sia meglio per lei. In particolare, cosa la "spaventa" di più della circostanza descritta?
Se è motivata ad approfondire la questione può scrivermi o contattarmi.
un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)