Valentina  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 18/08/2018

Napoli

Lasciare la vecchia via per la nuova...

Buongiorno,
Sono una donna di 35 anni.
Quest'anno ho sposato (dopo non poche pressioni da parte mia) il mio compagno, una persona dolcissima ma molto differente da me e con il quale desideravo costruire una famiglia.
La nostra relazione durava da 4 anni, nonostante le grandissime differenze caratteriali (estroversa vs introverso, entusiasta vs apatico, artista vs scientifico) c'era un equilibrio mantenuto dalla volontà del nostro progetto di vita.
Pur consapevole del fatto che non potesse darmi quello di cui avevo bisogno come persona e come donna, mi sono detta che avrei potuto compensare altrove queste necessità.
Dopo il matrimonio, lui ha cominciato a rivelare un lato del carattere un po' meno rispettoso e tutto insieme l'equilibrio si é rotto. In più é subentrata una relazione extra coniugale romantica con un amico di vecchia data che, al contrario, mi assomiglia, mi soddisfa e rende felice e desidera vivere questa relazione con me.
Mi trovo davanti un bivio che sono certa molte donne conoscono o hanno conosciuto: l'amore o la famiglia?
Pur sapendo che idealmente dovrebbero esserci le due, sono in un'età in cui l'orologio biologico mi ricorda che non posso permettermi un altro errore se davvero voglio creare una famiglia.
Prendo tempo ed il cuore mi spinge forte altrove, ma come vivere una nuova relazione senza rimpianti e paure?
Grazie mille

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 18/08/2018 - 12:33

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Valentina,
Dal suo ultimo quesito, mi sembra di capire che lei abbia risolto il dilemma famiglia vs amore, poiché chiede esplicitamente come "vivere una nuova relazione senza rimpianti e paure".
Quindi sembra proiettata verso la nuova relazione,ma è bloccata da "paure e rimpianti". A cosa si riferisce? Cosa teme di perdere intraprendendo questa nuova relazione? Secondo lei è possibile affrontare la situazione con suo marito e risolverla? Sarebbe propensa a farlo? Che approccio mostra di fronte ai conflitti in generale?
Consideri che per sentirsi libera di vivere al meglio la nuova relazione o qualunque altra possa essere, è essenziale che lei abbia risolto la situazione con suo marito.
Nel senso che i nuclei irrisolti derivanti da altre relazioni precedenti, impediscono alle persone di godersi al meglio ciò che accade di nuovo.
In ogni caso, è consigliabile per lei un consulto individuale che la aiuti a valutare la situazione coniugale e comprendere cosa sia opportuno fare.
Un caro saluto
Dott. ssa Anna Marcella Pisani (Roma)