Federico021985 domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 07/01/2015

Roma

sorella ingestibile

Salve a tutti spero e credo di aver scelto la sezione giusta. Premetto che non mi sarei mai rivolto ad aiuti online ma sono abbastanza disperato. Io ho 29 anni e mi ritrovo a fare da padre e madre a mia sorella. Lei ha 16 anni e me ne sta combinando di tutti i colori: salta la scuola, torna tardi a casa e quando ritorna o è ubriaca o è fumata, non studia. Ho ricevuto più di 20 chiamate dalla sua scuola ho parlato con i suoi professori e mi hanno detto che le volte che lei va a scuola non sta mai in classe o rislonde male hai professori. È diventata ingestibile, non puoi dirle nulla che risponde male ti accredisce. Io non so come comportami, non so a chi rivolgermi.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 11/01/2015 - 14:27

Gentile Federico,

per darle una risposta utile sarebbe opportuno avere maggiori informazioni. Ad esempio, come mai è lei che si occupa di sua sorella e non i suoi genitori? E' l'unica sorella che ha? Crede che altri siano i motivi che potrebbero indurla a comportarsi in quel modo e, inoltre, come crede che il rapporto con lei la influenzi?

Il suggerimento che posso darle è di rivolgersi ad uno Psicoterapeuta della sua città che si occupi di Terapia familiare. Potrà raccontargli la vostra storia e avere le idee più chiare su alcune dinamiche non proprio funzionali (ad es. il fatto che lei abbia un ruolo genitoriale nei confronti di sua sorella) presenti in famiglia.

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo
Psicoterapia individuale, di coppia e familiare
Napoli - San Giuseppe Ves.no (NA) - Pompei (NA)
www.pscodialogando.com/

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 09/01/2015 - 23:48

Caro Federico,
prima di tutto sarebbe necessario capire perchè lei si ritrova a fare da padre e madre a sua sorella.
E' successo qualcosa ai vostri genitori? Potrebbe essere che l'atteggiamento di sua sorella possa essere subentrato dopo qualche avvenimento in particolare, magari proprio in relazione a vostra madre e vostro padre?
In secondo luogo c'è da considerare che l'adolescenza è un periodo che porta con sé una forte crisi: atteggiamenti come quelli da lei descritti non sono rari tra gli adolescenti ma non per questo non dovrebbero essere motivo di preoccupazione.
Le consiglierei quindi di affrontare la situazione con sua sorella, parlandone serenamente delle sue preoccupazioni e valutare l'inizio di un percorso da uno specialista nella sua città .
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com