Silvia domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 20/09/2015

Napoli

Amalgama distruttiva

Buongiorno,
ho 26 anni e mi sento una nullità.
Non sono mai riuscita ad approdare a niente nella vita: non ho esperienze lavorative significative, non ho relazioni sociali soddisfacenti, non ho ancora conseguito una laurea, non ho coltivato le mie passioni e non mi sento realizzata.
Sono, in pratica, una signora "Non".
In generale mi trovo in una condizione di "assenza di passioni" unita ad un vuoto mentale e ad un ritardo cognitivo preoccupante.
Ho sempre sperimentato una certa "indifferenza" verso la vita, come se fossi priva di energia, ma poi mi ripresi per breve periodo.
Dopo un periodo stressante, nel 2010 ho avuto un episodio di depressione maggiore. Da allora mi sento un'ameba e non riesco ad uscire da questa situazione.
Le relazioni coi familiari, gli amici e con il mio ragazzo si stanno deteriorando sempre più e non so cosa fare.
Non ho stima di me, sento di non essere interessata a niente, di non avere talenti, di voler solo rimanere ferma a crogiolarmi nel vuoto. Nonostante sia una situazione insostenibile non riesco ad uscirne.
Le persone che, miracolosamente, mi stanno accanto mi dicono che sono una persona negativa, autodistruttiva e che alimenta malessere negli altri.
Cosa devo fare? Che strada devo intraprendere?

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Carlo Casati Inserita il 22/09/2015 - 17:06

Milano - Centro storico
|

Carissima Silvia,
Ci sono molti punti da chiarire in quello che scrivi. Ad esempio, parli di un precedente episodio di depressione maggiore: come ne sei uscita? Hai già fatto psicoterapia? Quale? Ne hai tratto beneficio? Chi e come ha diagnosticato un "ritardo cognitivo" e una "assenza di passioni?
L'unico consiglio utile che posso darti é di chiedere l'aiuto di uno psicoterapeuta. Ci sono momenti in cui é molto difficile risolvere certi problemi da soli. Capisco che potrebbe essere uno sforzo anche solo prendere questa iniziativa, ma é un passo indispensabile. Considera che, in molti casi simili al tuo, più aspetti a rivolgerti ad un esperto, maggiore lo sforzo necessario per venirne fuori.

Cari saluti,

Dr. Carlo Casati - Verona

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 22/09/2015 - 14:39

Gentilissima,

perchè non si rivolge ad uno psicoterapeuta della sua città per un consulto? Vedrà che con l'aiuto di uno specialista e con un pò di coraggio da parte sua le cose andranno meglio.

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo
Terapia individuale e Soccavo a Napoli Soccavo, Melito, Pompei, San Giuseppe Vesuviano (NA)
www.psicodialogando.com

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 20/09/2015 - 17:54

Cara Silvia,
sopratutto in vista dell'episodio di depressione da te sperimentato, non posso che consigliarti di riprendere in mano la tua vita e di farlo con l'aiuto di uno psicologo/psicoterapeuta della tua città.
Non sarà un cammino facile, ma è necessario per te intraprenderlo.
Un forte in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa - Torino
www.valentinamossa.com
https://www.facebook.com/dottoressavalentinamossa