Alessandro  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 19/11/2020

Perugia

Pensieri intrusivi, ansia e tremori

Buonasera Dottori, ho 29 anni lavoro, ho una famiglia normale ed una ragazza a cui sono molto legato... sono estremamente ansioso e ipocondriaco.
Questo periodo No è iniziato a fine agosto... Prima problemi intestinali che mi hanno fatto pensare al peggio.
Poi tremori e paura della sla... Fascicolazioni e miochimia palpebrale sempre presenti da mesi tutti i giorni e mal di pancia da colon irritabile pure.
Il mio lavoro è molto bello ma anche stressante con molte responsabilità per l'età che ho.
Circa un mese fa in una cena stavano parlando di argomenti tipo serial killer ecc... da quel momento una scena di me che utilizzo un coltello sulla mia ragazza mi ha tormentato per 10 giorni circa.
Subito dopo ho avuto attacchi di panico, con tachicardia tremori vertigini ecc... Senso di colpa pauroso e morale zero.
Poi sono riuscito un po' a calmarmi e da lì in poi mi sono informato su DOC e disturbo d'ansia generalizzato... Sono entrambe cose in cui posso rivedermi anche come tipo di carattere per il DOC.
In realtà i pensieri intrusivi si sono diradati molto ormai... Quasi nessuno al giorno ma resto sempre sensibile alla visione di oggetti tipo coltelli e soprattutto a fatti di cronaca in cui persone apparentemente normali sono hannno compito omicidi ecc... mi prende una paura tremenda e spesso questi pensieri negativi (non scene violente ma la vaga paura di poter fare del male) mi colpisce nei momenti in cui dovrei rilassarmi, quando ho meno da fare tipo fine settimana o la sera... ed ecco che il mio hobby diventa lavoro perpetuo.
Che cosa posso avere?
Fino a poco fa mai provato nulla del genere... È un periodo che mi sento poco pronto alle incertezze in generale, ogni cambiamento mi spaventa e ho paura addirittura di affittare una casa Con la mia ragazza per paura di farle del male.
Ripeto i pensieri intrusivi sono molto meno ma al pensare certe cose mi sento angoscia e pre-attacco di panico a volte.
È come se volessi la certezza di restare una brava persone per sempre e nok poterne essere certo mi terrorizza e spinge la mia mente a pensare cose che non vorrei pensare. Simili quesiti me li ponevo nei periodi di paura delle malattie "e se domani dovessi ammalarmi gravemente? " e la mancanza di risposta mi creava ansia.. Ovviamente il problema attuale è più fastidio, rimpiango la miq solita ipocondria e se di ossessione si tratta ne avrei preferite altre. In fondo vorrei solo essere tranquillo ma ho l'impressione che è una sensazione che non mi appartiene.
Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Katarina Faggionato Inserita il 19/11/2020 - 18:28

Buonasera Alessandro,
i pensieri intrusivi non li possiamo scegliere. Si chiamano intrusivi, perché si inseriscono nel flusso dei nostri pensieri. Non è insolito, anzi. La letteratura ci dice che la maggior parte della popolazione ha i pensieri intrusivi e i temi sono vari. Quelli di tipo aggressivo non sono un'eccezione. Di solito scartiamo velocemente questi pensieri e non ci pensiamo più. Le persone che soffrono di disturbo ossessivo-compulsivo hanno i pensieri intrusivi con contenuti simili, ma sono più frequenti e più intensi, si dà molta importanza al contenuto e quindi ci si preoccupa. L'ansia e il voler essere sicuri di essere una brava persona fa parte della sintomatologia. Per il trattamento di questo problema di solito si consiglia la psicoterapia cognitivo-comportamentale, a volte in abbinamento con la terapia farmacologica. Quindi, Alessandro, il problema che descrive si può curare, le persone con preoccupazioni simili alle Sue sono tante, è una cosa gestibile. Se non si tratta di un problema di breve durata, direi che valga la pena di rivolgersi a un professionista e iniziare ad affrontare la situazione.
Un caro saluto
Dott.ssa Katarina Faggionato