elisa domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 17/04/2017

Ancona

Sentire la mancanza in maniera eccessiva

salve, mi chiamo elisa ho 28 anni e sto con il mio ragazzo da 3.
da un anno e mezzo circa lui ha iniziato a lavorare col padre e per lavoro spesso parte, quando parte 2/3 giorni non mi preoccupo, però quando va all'estero e sta fuori 7/10 giorni mi deprimo, piango, non ho voglia di uscire ne di vedere nessuno. il momento peggiore non è tanto i giorni in cui non c'è, ma i giorni prima della partenza ed il giorno stesso sono terribili... nonostante lui sia già partito diverse volte ancora non sono riuscita ad accettare la cosa, anzi ogni volta sembra quasi peggio delle precedenti perchè mi ricordo quanto mi è mancato... non sono completamente fuori di testa, razionalmente mi rendo conto che è solo una settimana o al massimo 10 giorni, però non riesco a non piangere e essere triste.
cosa posso fare per superare questo problema?
pensavo anche di contattare uno psicologo della mia città che in passato mi aveva aiutato con la claustrofobia, ma mi vergogno perchè questo sembra un problema stupido che però mi sta rovinando la vita

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Benedetta Atti Inserita il 18/04/2017 - 12:11

Zola Predosa
|

Buongiorno Elisa. Non sia troppo dura con se stessa, non si deve vergognare o mortificare. Non è un problema stupido e come dice lei razionalmente riesce a capire che non sta via a lungo ma è emotivamente che evidentemente queste partenze e lontananze vanno a toccare dei punti per lei fragili. Voi convivete? Lui cosa ne pensa di questo profondo dolore che lei prova nel vederlo andare via? Parlarne con un professionista può sicuramente esserle d'aiuto, mi sentirei però di consigliarle un professionista che abbia una formazione più psicodinamica o relazionale che cognitivista o comportamentista perchè a mio avviso in questo caso c'è bisogno di ascoltare e capire le sue emozioni.
Spero di esserle stata d'aiuto e resto ovviamente a disposizione.
Buona giornata.
Dott.ssa Atti Maria Benedetta