alb88 domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 12/11/2014

Roma

Relazione dissolta in un puff!!!

Un cordiale saluto a tutti,
esco da una recente relazione omosessuale, io 20 lui 59.
E' stata la relazione più importante e profonda della mia vita, considerando anche quelle etero.
Nonostante un fatto catastrofico toccato a lui in ambiente professionale, la coppia sembrava aver retto.
Nel periodo in cui sembrava avessimo sintonizzato le nostre vite lui ha deciso di rinunciare a tutto.
Il punto è:
- Come può una persona dirti ti amo e a distanza di giorni svanire nel nulla senza apparente motivo?

- Perchè non mi ha mai comunicato apertamente la rottura, addirittura ha aspetatto che perdessi il lavoro per sparire nel momento in cui avevo più bisogno?

- L'ultima volta vista di persona gli chiesi se era un addio e mi rispose "ASSOLUTAMENTE NO" e l'ultimo sms conclude con un ti stringo forte, Perchè poi cambiare il numero?

Io obbiettivamente non ho fatto nulla ne per perderlo ne per ricevere un trattamento simile.
Cosa può aver suscitato in lui la necessita di eliminarmi definitivamente dalla sua vita cosi bruscamente?

Ps so per certo che cerca altri compagni ma dopo un anno non ho diritto neanche alla semplice amicizia?

Grazie in anticipo, a.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 23/11/2014 - 08:57

Milano
|

Salve Alb, c’è una cosa che mi ha colpito leggendo la sua mail. C’è stato un “fatto catastrofico” avvenuto nel suo ambiente professionale. Il fatto sembra incidere poco nella relazione, tuttavia, lei perde il lavoro e lui chiude il rapporto e sparisce. Quanto ritiene che questi due avvenimenti abbiano inciso nella vostra relazione? Perché non è cosa da poco perdere il lavoro e trovarsi in uno stato di precarietà economica ed esistenziale. Che cosa è successo di così catastrofico? La perdita di lavoro e il suo stato di conflitto nel posto di lavoro potrebbero avervi reso più vicini, in altre parole quello di vivere un periodo della propria vita di disagio e con caratteristiche simili. Chi dei due si appoggiava all’altro? A volte, quando una persona si allontana, può farlo non solo perché l’amore finisce, ma anche, inconsapevolmente, per proteggere l’Altro. Certo, avrebbe potuto avvisare.

Dott. Giovanni Delogu Inserita il 21/11/2014 - 23:50

Posso avanzare delle ipotesi: probabilmente non ti amava abbastanza, e per questo ha chiuso la relazione. Non te ne ha parlato forse perché si vergognava o non trovava il coraggio, o temeva una tua reazione, o non voleva ferirti, o non si sentiva obbligato a darti spiegazioni, o perché non voleva rovinare il ricordo del vostro rapporto, etc. etc.
I motivi di questo comportamento contraddittorio per cui è svanito nel nulla dopo aver dichiarato il suo amore, possono essere diversi. Può darsi che la vostra relazione fosse diventata per lui scomoda per diversi motivi, o che fosse spaventato da questa per la differenza d'età, o perché si è invaghito di altri, chi può dirlo?.
Non è possibile a distanza dire con certezza "il motivo è questo" senza aver mai conosciuto di persona il signore in questione. Le supposizioni sono tante, e possono essere anche tutte vere, o tutte false. Diciamo che la base di un rapporto è il dialogo, se questo viene a mancare, i sostegni che lo reggono cedono e capitano questi inconvenienti. Un rapporto che funziona si basa sulla sincerità e correttezza, non solo sull'amore. Se queste due qualità non ci sono, il rapporto svanisce... in un puff.
Spero di aver risposto alle sue domande.

Dott.ssa Irene Renni Inserita il 23/11/2014 - 11:41

Ciao Alberto,
innanzitutto voglio dirti che mi dispiace per il momento di sconforto che stai vivendo e che apprezzo il tuo tentativo di metterti in discussione esponendoti in prima persona e parlare della tua storia in questo blog.
Sono convinta che in fondo al cuore di tutti noi ci siano le risposte ai nostri interrogativi. Coelho diceva: "Ascolta il tuo cuore esso conosce tutte le cose"; un'indicazione così semplice ma così difficile da seguire soprattutto quando le risposte che custodiamo ci fanno soffrire tanto; più fanno male e più è difficile accertarle e soprattutto riconoscerle.

Ritengo quindi che non sia possibile e forse nemmeno corretto dare una risposta alle tue domande ma posso aiutarti ad ascoltare meglio la verità che il tuo cuore custodisce già; scoprirla ti potrà stupire. Conoscere le tue emozioni ti permetterà quindi di avere una maggiore consapevolezza di te e dell'altro, che infatti è proprio quello che ti ha portato ora a questa incognita tanto dolorosa.
Un abbraccio e un in bocca al lupo,
Dott.ssa Irene Renni, psicologa esperta in analisi umanistica e bioenergetica