Erika domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 30/03/2016

Ancona

Anorgasmia

ho una relazione con il mio ragazzo da 4 anni. sono 3 anni che abbiamo rapporti sessuali però in tutto questo tempo ho avuto difficoltà a provare piacere tramite stimolazione clitoridea e penetrazione e non ho mai raggiunto l'orgasmo. il sesso mi piace però è un problema a livello di piacere. il mio ragazzo è normodotato e non soffre di eiaculazione precoce, anzi dato il problema cerca di durare il più possibile e talvolta nemmeno viene. questo problema è diventato una specie di ossessione tanto che da un po' di tempo non abbiamo quasi più fatto sesso, probabilmente a causa di questo problema. come posso fare a risolvere o da chi posso andare per parlare meglio di questo problema? grazie mille

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Manuela Caruso Inserita il 31/03/2016 - 14:32

Gentile Erika, dal suo scritto non si evince se questa Sua condizione sia sempre esistita - e quindi Lei non abbia mai fatto esperienza dell'orgasmo - o se sia piuttosto legata alla Sua attuale relazione.
Occorre dire che molte variabili concorrono al raggiungimento del piacere, e tra queste il conoscere sé stessi e il proprio partner (fisicamente ed emotivamente), avere a disposizione luogo e tempi idonei per trovarsi a proprio agio, sentirsi pronti per "lasciarsi andare" all'altro, per "perdere il controllo".
Ad ogni modo, Le consiglio di consultare uno specialista in Sessuologia che possa supportare Lei - ed eventualmente il Suo partner, anche in un secondo momento - ad affrontare proficuamente la questione grazie ad un percorso mirato, nell'interesse Suo e della sua relazione.
Bon courage!

Manuela Caruso
Psicologa Clinica - Sessuologa

Dott. Emanuele Petrachi Inserita il 31/03/2016 - 06:08

Cara Erika,
Innanzitutto c'è da capire se ci sono delle cause mediche che le precludono l'orgasmo e, a questo proposito, le consiglio una visita ginecologica.
Qualora i rilievi medici dev'essere avere esiti negativi, come tutti speriamo, la soluzione migliore è quella di rivolgersi il prima possibile a un terapeuta della sua zona.

In bocca al lupo
Emanuele Petrachi
Psicologo
www.psicologia-lecce.it