Tommaso  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 15/11/2019

Pistoia

Problema di ansia generato da pensieri, senso di oppressione nuova conoscenza.

Sono un ragazzo di 24 anni spiego brevemente la situazione che sto passando in questo periodo.
Ho avuto una relazione abbastanza difficile che è stata trascinata fino a poco tempo fa è durata circa 1 anno. Durante questa vecchia relazione ad un certo punto cominciai ad avvertire un forte senso di ansia al petto nel dover organizzare di vedermi con la ragazza in questione o comunque nello stare con lei. Come se mi sentissi oppresso! e i miei pensieri mi convincevano di dovermi lasciare allora la lasciai verso Febbraio, ma fu molto difficile perché a me non piace fare stare male le persone e ci continuammo a sentire e vederci pur effettivamente non stando più insieme. Ci fu un periodo di tristezza abbiamo pianto sia io che lei che ancora mi amava. Il dire stiamo insieme a me causava quella brutta sensazione di ansia e oppressione. La cosa è andata avanti fino a poco tempo fa quando online ho conosciuto un altra ragazza e ho cominciato a vedermi con lei. Ho detto alla ragazza con cui ero stato prima con cui ancora oggi parlavo che era meglio se non ci sentivamo più.
Io ero consapevole che non sarebbe ri-successa una cosa del genere tuttavia ecco che dopo esserci visti due volte mi si ripresenta questa sensazione dovuta da dei pensieri del tipo "Tu non vuoi stare con nessuno...", "Il fidanzarti ti nega la libertà...", "Hai avuto una sola ragazza non vorrai mica fermarti alla seconda..." oppure "Ricominciare tutto da capo ti fa paura... devi impegnarti non hai voglia di farlo". Insomma tutti questi pensieri negativi che mi causano questo senso di oppressione al petto e di ansia la quale arriva quando si presentano e scompare quando non ci penso. Alternati invece ho anche pensieri positivi nei confronti di lei pensieri che mi spingono a volerla conoscere ad immaginare alcuni suoi comportamenti che mi piacciono e farmi sorridere.
La ragazza con cui mi vedo mi piace molto!!! è davvero tenera e carina, intelligente, sta finendo l'università come me anche se in due facoltà diverse e vorrei davvero vivere questa nuova conoscenza con serenità.
Io credevo che quei pensieri fossero dovuti alla vecchia relazione che avevo magari mi aveva causato un senso di oppressione poiché non eravamo compatibili, ma questa ragazza è davvero comprensiva e una volta in queste settimane in cui ci sentivamo gliene ho parlato di questa mia ansia e inizialmente mi voleva aiutare poi sono stato deciso a chiudere momentaneamente la conoscenza, Poche ore dopo però le ho riscritto perchè a me interessa davvero conoscerla mi sembra davvero una ragazza interessante molto meglio di quella con cui stavo prima ! vorrei essere sereno e vivere senza questi pensieri che mi causano questo senso di ansia che mi porta a staccarmi per farli cessare e stare bene.
Ho iniziato ad interessarmi alla Meditazione e la sto praticando per provare a calmarmi.
Però è come se fossi entrato in questo loop in cui anche il pensare al come sono stato il giorno prima mi fa riaffiorare i pensieri e quindi l'ansia e la brutta sensazione al petto.
E' un circolo vizioso che speravo svanisse conoscendo una nuova ragazza ma a quanto pare sembra essere ancora qui !! ma non lo attribuisco al fatto che non mi piaccia lei poiché a me lei interessa molto. E' dovuto alla brutta sensazione che lo stare con una persona il fidansarsi con qualcuno mi genera ora dopo questa esperienza che ho avuto. E' come se il mio corpo si fosse convinto che lo stare con qualcuno ti nega di ogni libertà ti costringe.
Il fatto è che se non mi passa questa cosa ho paura che non mi innamorerò di lei e a me piacerebbe tanto innamorarmi di lei perchè è davvero il genere di ragazza che cercavo.
Sto cercando di convivere con questa ansia sperando che cambi da un giorno all'altro ma dovrei riuscire ad eliminare totalmente il circolo vizioso ed associare una nuova conoscenza ad una cosa bella da vivere e il fidansarsi ad una cosa bella e non ad una negazione della libertà.
Con la ragazza nuova ci siamo già baciati al primo appuntamento.
Gentili Dottori voi credete che parlandone con lei e dicendole di procedere piano piano nella conoscenza dandomi il tempo di metabolizzare la chiusura della vecchia relazione e di eliminare le cattive associazioni che il mio cervello ha fatto la cosa potrebbe andare per il verso giusto permettendomi di vivere sereno senza ansie?
Ho bisogno di un sincero aiuto. Vi ringrazio vorrei essere sereno e con pensieri stabili non cosi facilmente alterabili.
Io già in passato ho sofferto di questi pensieri ansiogeni e sono sempre scappato ascoltando cosa me li generava e agendo anche se in negativo.
Ma questa volta non è quello che voglio!!
Grazie

  0 Risposte pubblicate per questa domanda