Mirko domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 06/07/2017

Disturbo bipolare

Salve, le scrivo perchè spesso penso di essere diventato affetto da disturbo bipolare.
Ormai è così evidente che persino io stesso me ne sono accorto. Voglio essere aiutato, capito. Voglio trovare una cura e tenermi sotto controllo. Non lo faccio soltanto per me, ma per le persone che mi circondano e mi vogliono bene perchè finiscono poi solo per essere ferite e deluse da me non capendo però che non è mia la colpa del mio comportamento.
Ormai sono più le volte in cui mi sento nervoso che quelle che passo a ridere e a vivere la vita.
Sono un ragazzo di 22 anni e come tale vorrei essere felice, ma mi risulta così difficile negli ultimi due anni e mezzo.
Tutto è iniziato a seguito ad una delusione d'amore (o almeno così credo) dove ho pianto per giorni, non mangiato e bevuto a stento. Ho perso 5kg in una settimana, e ho continuato ad avere dolori allo stomaco da nervosismo per 4 mesi e mezzo. La cosa poi, l'ho superata, forse non del tutto ma sono riuscito lo stesso a rifarmi una vita. Il mio problema è che mi autoconvinco che la vita di ora non sia come quella di prima, che non sia all'altezza. Ma sono altrettanto sicuro che con una cura adeguata potrei smettere di deludere e far soffrire il mio compagno. Lui non mi capisce, per lui è impossibile che un ragazzo di 22 anni abbia un disturbo bipolare, quasi come fosse un capriccio. Non gliene do una colpa, non tutti sono in grado di aiutarci, per questo oggi mi affido a voi per cercare di capire se posso migliorare.
Mirko

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 08/07/2017 - 07:38

Salve Mirko, sulla sua ipotesi diagnostica non mi esprimo perché ovviamente per avere un quadro completo della situazione bisognerebbe approfondire molti aspetti. In generale, però, al di là dell’etichetta diagnostica, tutte le situazioni di disagio psicologico possono essere migliorate e la maggior parte possono essere superate completamente.