Aurora domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 12/03/2016

Problemi di personalità

Salve. Ho sempre avuto, fin dall'infanzia, diversi problemi più o meno collegati fra loro.
-ho un blocco a esprimere ciò che provo, ciò che sento
-sogno molto spesso a occhi aperti. Le persone esterne mi vedono come "incantata", ma in realtà sogno effettivamente ad occhi aperti. Non sento nessuno e non vedo nulla, apparte la scena che sto sognando.
-se mi fisso su un argomento, vado avanti per più di un mese pensando solo a quello. Ma non solo, anche nel modo in cui faccio le cose. Ad esempio i miei vestiti devono essere piegati allo stesso modo e alla stessa grandezza. Mi perdo in questi dettagli.
-ho sbalzi di umore improvvisi e non me ne rendo conto, non li comando.
-ho problemi a controllare la rabbia. È capitato più volte che parevo una pazza. Grido, piango, urlo, lancio cose, salto. Non li controllo più.
-i comportamenti che ho, li trovo giusti. Per me sono normale. Le persone in torno a me non la pensano così. Io non mi rendo conto dei problemi. Mi innervosisco molto se qualcuno mi fa notare che il mio comportamento è sbagliato.
-non so distinguere il bene dal male. Solo nei casi ovvi .
-ho problemi a relazionarmi con altri. Mi mette estremamente a disagio. Non riesco ad accettare comportamenti al quale non sono abituata, come ad esempio il bacio sulla guancia mentre ci si saluta. Mi sento molto a disagio.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Patrizia Niddomi Inserita il 12/03/2016 - 10:39

Carissima Aurora
Facendo risalire alla Sua infanzia l'inizio di questo disagio, mi chiedo se si sia mai rivolta prima ad un professionista per capire meglio l'origine di ciò che Le accadeva.
Per orientarLa avrei bisogno di sapere quanti anni ha e chi sono le persone che Le rimandano la stranezza dei Suoi comportamenti, se vive sola, se attualmente ha un impegno (di studio o di lavoro) e come si colora la Sua vita relazionale
I comportamenti sono comunque anche messaggi relazionali e le caratteristiche di personalità possono sfociare in comportamenti molto diversi anche a seconda dell'ambiente col quale ci troviamo ad interagire
Ritengo sarebbe opportuno che, tramite il suo medico di base, si facesse consigliare ed eventualmente orientare sui servizi presenti nella Sua zona. In alternativa, che si rivolgesse di persona ad uno Psicoterapeuta (se non ne conosce già uno, anche cercando su questo portale tra quelli della Sua zona) per approfondire la problematica che sta esprimendo
La saluto cordialmente
Dr.ssa Patrizia Niddomi -Psicologa Psicoterapeuta- Firenze