elisa domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 13/06/2017

Lecce

Stitichezza psicologica

Salve, sono la mamma di un bimbo di due anni e mezzo e lo scorso mese abbiamo iniziato la fase di spannolinamento. Per quanto riguarda la pipi è stato tutto molto naturale, dopo una settimana ha imparato a riconoscere lo stimolo e a chiedermi sempre di farle nel vasino o nel wc. Per quanto riguarda la cacca, l'ha fatta un paio di volte nel vasino ed èpoi capitato che la facesse addosso per altre quattro-cinque volte. Gli abbiamo sempre detto che non era successo nulla di grave, che piano piano avrebbe imparato a riconoscere lp stimolo come era successo con la pipi ecc. Non lo abbiamo mai sgridato e mai punito. Al contrario, abbiamo sempre festeggiato e premiato i suoi successi. Da allora non vuole piu fare la cacca, in assoluto, ne nel pannolino tanto meno nel vasino o wc e regolarmente dobbiamo ricorrere a moniclisteri per permettergli di liberarsi. Lui finoa questo episodio è sempre stato molto regolare, anche piu di una volta al giorno, mangia sempre tante fibre e tanta frutta e verdura, il pediatra mi ha consigliato di dargli delle bustine per ammorbidire le feci. Io le sto provando tutte, gli leggo le storie, porto dei giochi in bagno, lo premio quando fa la cacca, e non so piu cosa fare. Lui sente lo stimolo, infatti mi chiede di andare in vagno, poi si siede e quando arriva il momento si alza di colpo dalla tavoletta perche "ha paura", dice lui. Cerco di rassicurarlo in ogni modo, gli dico che la cacca la facciamo tutti, che è naturale, che il nostro pancino poi ha male se la tratteniamo, ecc ecc . Non nego che questa situazione mette non poca ansia anche a me.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Benedetta Atti Inserita il 13/06/2017 - 21:47

Zola Predosa
|

Cara Elisa, la sua situazione è più comune di quello che potrebbe pensare; diversi bimbi hanno paura di defecare nel vasino ma soprattutto nel wc perchè ne hanno paura. é comprensibile il suo stato di ansia, ma questo non aiuta il suo bambino che avvertendo la sua tensione e apprensione si potrebbe agitare ulteriormente. Credo si stia muovendo nel modo migliore a livello di comportamenti attuati, ci sono libri che riguardano proprio la paura di defecare magari potrebbe utilizzarli. Un'ultima domanda le faccio: a parte questo è tranquillo o lo vede nervoso, agitato o in ansia?
Spero di esserle stata d'aiuto, per qualsiasi cosa resto a disposizione.
Dott.ssa Atti Maria Benedetta