sara domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 15/05/2017

Milano

Difficoltà con la baby sitter

Buongiorno, io ho due bambini di 2 e 7 anni.
Purtroppo quest'anno ho dovuto prendere la baby sitter a causa dei miei turni di lavoro. Dopo due tentativi andati a male (una ragazza inesperta e una signora bravissima che purtroppo è andata via poichè aveva trovato un altro lavoro) ho trovato questa ragazza di 26 anni che lavora in un nido famiglia.
Il piccolino di 2 anni non ha avuto alcun problema infatti fin da subito ha accettato la figura, il grande di 7 anni invece ha cominciato a dare problemi. Dopo due mesi ho saputo che diceva le parolacce alla baby sitter non la considerava e la trattava male (comportamento molto strato per lui che si è sempre comportato bene con tutti e non dice parolacce). Dopo numerosi tentativi siamo arrivati finalmente (credo) a capire il motivo, lui afferma che non ha niente contro di lei che è brava e simpatica ma lui vuole me e suo papà (mi sono dimenticata di dire che la baby sitter ha solo il compito di accompagnare o prendere i bambini a scuola in base ai miei turni, se li accompagna sta con loro a casa 1 ora e mezza, se li va a prendere mezz'oretta al massimo). Alla mia domanda se vuole che ne trovi un'altra lui mi risponde di no, ma quando cerco di fargli capire che deve instaurare un rapporto con lei per stare bene lui mi risponde che non ha niente da dirle infatti loro due nonostante i tentativi della ragazza non parlano mai. Penso che lei si comporti bene con loro anche se mi hanno riferito che fuori da scuola lei è sempre al telefono. Non so cosa devo fare se cambiare baby sitter o no. Se la situazione non migliora penso che proverò a portarlo da una psicologa per cercare di capire come fargli accettare la cosa ma prima volevo tentare io con i mezzi che ho. Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Patrizia Niddomi Inserita il 15/05/2017 - 20:41

Carissima Sara
La situazione che sta vivendo è abbastanza comune. Sarebbe utile conoscere il comportamento di suo figlio con la tata precedente.
In linea di massima posso dirle che a volte, quando la mamma lavora e i bimbi vengono affidati ad una persona "sconosciuta", il figlio maggiore può sentirsi responsabile per il minore e ciò può causare uno stress che viene manifestato con il comportamento oppositivo verso la persona che si prende cura ma in realtà è un comportamento orientato verso la situazione. Le consiglio di affiancare la baby sitter per almeno 4 o 5 volte, durante il normale svolgimento del suo lavoro con entrambi i piccoli. Questo da un lato consentirà al bambino di interagire con la ragazza in un contesto che sente come protetto, dall'altro, permetterà a lei di rendersi conto della dinamica di relazione tra la baby sitter e il suo figlio maggiore e potrà valutare se effettivamente la difficoltà è verso questa persona o verso la situazione
Per qualunque dubbio non esiti a contattarmi anche in privato
Un cordiale saluto
Patrizia Niddomi
Psicologa-Psicoterapeuta
Firenze