Angela  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 26/04/2018

Caserta

Depressione, dolore troppo forte da sopportare?

Salve, mi chiamo Angela, ho 25anni e sono 3giorni che sto malissimo. In breve, quando ero piccola sono stata vittima di bullismo e mi sono chiusa in me stessa. Un anno e mezzo fa mi sono iscritta al corso di cresima del mio paese (contro voglia) e ho conosciuto il prete che lo teneva..giovane e da un anno nel mio paese, che ci sa fare tantissimo e che ha capito subito che c'era qualcosa che non andava in me e ha saputo ascoltarmi, capirmi e per la prima volta mi sono sentita voluta bene e non giudicata. Purtroppo è stato spostato in un altro paese e domenica ha detto l'ultima messa nel mio paese..è da domenica che sto malissimo, mi sento depressa, ho attacchi di panico, piango tutto il giorno e non riesco a dare importanza a niente. Mi sembra di aver perso tutto, di essere tornata indietro e sento che se sto male non posso parlare più con lui che mi faceva stare bene. Non lo so, forse perchè l'avevo idealizzato, lo vedevo come un fratellone protettivo e pensavo che non l'avrei "perso" e ora che non c'è più mi sento persa..ieri gli ho scritto e gli ho spiegato in breve come mi sento e gli ho chiesto se quando ho bisogno di parlargli lui c'è per me..mi ha detto assolutamente di sì, che basta che lo contatto e ci vediamo, e ne sono rimasta veramente felice..ora però, nonostante tutto, non riesco a essere tranquilla, mi sento comunque depressa e senza speranza..ho paura che comunque non lo vedrò più, magari ci vedremo un paio di volte e poi basta..non lo so, mi faccio mille paranoie..in più è rimasto il gruppo giovani che lui aveva creato e ho paura a andarci, mi sembra tutto diverso senza di lui..aiuto, non so come affrontare questo dolore e sento che non passerà mai

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Benedetta Atti Inserita il 27/04/2018 - 11:35

Zola Predosa
|

Buongiorno Angela, aver trovato una persona capace di darle ascolto e serenità è una cosa bellissima e una risorsa importante che sono sicura non rischierà di perdersi. Il consiglio che le do però è di contattare un professionista che possa darle l'aiuto di cui ha bisogno non solo affettivamente ma anche professionalmente. Il prete del suo paese resterà sicuramente un punto di riferimento ma ritengo che la possibilità di fare un percorso personale con chi le può dare l'aiuto di cui ha bisogno sia altrettanto importante per aiutarla a sentirsi più sicura di sè e tornare ad avere fiducia negli altri.
Per qualsiasi dubbio o chiarimento sono a disposizione.
Cordiali saluti
Dott.ssa Atti Maria Benedetta