Serena domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 16/07/2016

Ansia, Panico e Agorafobia.

Salve..mi chiamo Serena ho 25 anni e da quando ero piccola mi porto dietro l'ansia.
Quando ero piccola penso 15-16 anni giocavo a pallavolo... non saprei dire se era ansia o no so solo che avevo paura di giocare le partite, mi veniva un gran mal di stomaco e rimettevo...
Ora invece si è presentata come un oppressione al petto e fatica a respirare, anche se faccio grandi respiri rimango con quel peso, ci convivo da un bel pò, so che non mi fa vivere bene, ma ho paura di rivolgermi a qualcuno.
Al lavoro quando si presenta mi sembra di essere sempre stanca... sbadiglio per prendere fiato, ma finché non sono a casa coi miei famigliari non sto bene.
Il più delle volte non riesco neanche a fare lunghi tragitti in macchina da sola, per paura di avere un attacco di panico.
Posso guarire?? Vorrei farcela da sola ma mi sto convincendo di non riuscirci.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 18/07/2016 - 09:53

Gentile Serena,
certo che si può guarire dall'ansia! La psicoterapia breve è in genere molto efficace e potrebbe restituirle una vita più piena e soddisfacente. Le cause dell'ansia sono inconsce e per questo è difficile venirne a capo da soli. Ancora più difficile trovare i rimedi, soprattutto quando sia essenziale una "relazione" terapeutica che per ovvi motivi non ci si può dare da soli.
Una consulenza mi chiarirebbe le cause inconsce e potrei darle perciò delle indicazioni prognostiche sui tempi e la riuscita di una psicoterapia, che comunque spesso è favorevole.
Cordiali saluti

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 17/07/2016 - 11:47

Buongiorno Serena,
certamente l'ansia è un'emozione e non una malattia e se da un verso ciò significa che non c'è alcun bisogno di guarire (nel vero termine della parola) da questa condizione, dall'altro vuol dire che essa può essere superabile e che si può ripristinare equilibrio e benessere. La cattiva notizia (ma può trasformarsi in buona se presa come suggerimento!) è che da ciò che descrive, il "fare grandi respiri" e lo sbadigliare, sono già essi stessi comportamenti disfunzionali e non benefici per ripristinare la tranquillità emotiva ma che al contrario sono fautori di quel senso oppressivo al torace e dell'agitazione interna che sente (anche se a lei sembrano strategie utili per "prendere fiato" in realtà non lo sono affatto). Apprendere una buona respirazione potrebbe rivelarsi un primo strumento per sentirsi più "sollevata". Detto questo, per poter comprendere a fondo quest'emotività e le sue paure sarebbe bene intraprendere un percorso terapeutico poiché, oltre la gestione pratica dell'ansia, quest'emozione è un segnale che vuole comunicarle altro, e va ascoltata... insoddisfazione, dubbi interiori, conflittualità di vita, difficoltà relazionali, scarsa fiducia in se stessa...? Sono questi i temi a cui dovrebbe dare attenzione e significato. Perché desidera farcela da sola? Anche questo aspetto potrebbe essere uno dei fattori che alimentano le sue ansie. Nella vita è necessario sapersi affidare ad altri e richiedere aiuto nel momento del bisogno (in questo caso specifico un aiuto terapeutico, ma parlo di supporto anche in altri contesti e momenti di vita). Significa saper sfruttare le risorse utili presenti nell'ambiente circostante.
Resto a disposizione per ulteriori informazioni,
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
psicologa psicoterapeuta cognitiva
www.chiarafrancesconi.it

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 16/07/2016 - 19:50

Cara Serena,
mi spiace per il malessere che vive, ma le assicuro che può stare meglio. Ma è importante comprendere il suo vissuto e capire come e quando e perchè sono scaturiti certi sintomi. Questo è possibile farlo solo attraverso un percorso psicologico e o psicoterapeutico.
La sintomatologia che descrive e' indubbiamente ansiosa, ma ripeto, sarebbe bene un'indagine anamnestica atta a comprendere certe tappe del suo vissuto. Resto a disposizione per chiarimenti.
Un caro saluto.
D.ssa Loredana Ragozzino