sfigato domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 15/06/2016

Genova

Ansia, insonnia, senso di insoddisfazione

Ho 36 anni e vivo in una grande città del Nord, con i miei genitori e il mio vecchio (14 anni) ed adorato cane. Non ho gravi problemi economici, ho un impiego pubblico ma non ho alcuna volontà di andare a vivere da solo, avendolo già provato (quando lavoravo in un’altra città) e sgradito; non avendo alcuna vita sociale al di fuori della mia famiglia, mi ritroverei a fare la vita, più che da single, da barbone. Nonostante la mia vita sia molto tranquilla ed abitudinaria, da qualche tempo soffro parecchio di ansia, vengo colto da paure a dir poco irrazionali (cambia il capo del mio ufficio e ho paura che mi trasferisca o licenzi; si avvicinano dei poliziotti a me e ho paura che mi sparino), e conseguentemente di insonnia e attacchi di panico. Manifesto anche una certa insoddisfazione verso la mia vita che giudico fallimentare, ma non mi viene in mente come tentare di cambiarla: anzi, vedo solo possibilità realistiche di peggiorarla, per cui anzi ho paura che qualcosa possa cambiare.
Il mio lavoro, nonostante oggi mi sarebbe invidiato da tanti, prevede responsabilità gravose (che contribuiscono ad accrescere la mia ansia), è socialmente molto disprezzato e non è molto ben pagato. Ha scarse possibilità di crescita, tanto che ho anche accarezzato la possibilità di chiedere un demansionamento, che mi consentirebbe di fare un lavoro più monotono ma tranquillo e di guadagnare quasi lo stesso. Non lo amo molto, ma non vedo la possibilità di cambiarlo: nella situazione attuale sarebbe una pazzia, in più ho anche lavorato in passato per degli studi professionali ed è stata un’esperienza assolutamente avvilente sotto ogni punto di vista. Apprezzo il mio lavoro perché mi lascia davvero parecchio tempo libero (di cui, però, spesso non so che fare) ma non mi coinvolge molto. É, come non capita spesso, in linea con il mio percorso di studi… il problema però è che il percorso di studi in realtà non è stato “mio”, è stato per lo più imposto da mia madre, ma anche qua vedo poche possibilità di tornare indietro e ricominciare alla mia età.
Preciso che, nella mia vita, quasi tutte le scelte fondamentali sono state fatte da mia madre… io, per la mia pigrizia e bassa autostima, non mi sono mai assunto responsabilità. Per questa ragione, ho saltato buona parte delle esperienze che caratterizzano una vita normale. Non ho mai fatto alcuna forma di attività fisica in vita mia, sono sempre stato piuttosto grasso e trasandato. Da bambino non ho mai imparato ad andare in bici o a nuotare. Da ragazzino non ho mai neanche osato avvicinarmi a una ragazza, pensavo (con più di una ragione) di non avere alcuna possibilità e di essermi risparmiato solo qualche risata in faccia. Non ho mai imparato a guidare un’auto o una moto, fatto che limita molto le mie possibilità di uscire di casa (abito in cima a una collina e nella mia città i mezzi pubblici sono inesistenti). Durante gli anni dell’università, quelli che in genere sono per quasi tutti gli anni delle compagnie spensierate e dei grandi viaggi, dopo qualche esame andato male (io sono sempre stato “il primo della classe”), sono caduto in depressione, ho iniziato una lunghissima psicoterapia e mi sono ritirato completamente a vita privata (il mio cane era una “pet therapy”, per quello ci sono così affezionato anche ora che è ai suoi ultimi giorni). Dopo i 30, rendendomi conto che il tempo per fare tante cose stava ormai scadendo, ho cercato di recuperare il tempo perduto e… di provare a fare tutto ciò che non avevo fatto negli anni precedenti, anche a costo di rendermi ridicolo, e di costruirmi una vita sociale. Ho provato perfino a mettermi a dieta (!) e a iscrivermi una palestra. Mi sono solo reso conto che… sì, secondo l’adagio è meglio tardi che mai, ma purtroppo tardi è TARDI. Ho accumulato solo una sequenza impressionante di fallimenti, mi rendo conto che iniziare a fare cose in un’età che non è quella “naturale” per iniziare è durissima ed è praticamente impossibile riuscire. Ho conosciuto tante persone, si tratta di rapporti simpatici ma per lo più superficiali, quando qualcuno cerca di conoscermi meglio (facendomi magari domande innocenti per chiunque, parlami dei tuoi viaggi, dei tuoi amici, delle tue relazioni…), farfuglio cose senza senso o mi trincero nel più cupo silenzio per nascondere il vuoto assoluto che ha caratterizzato la mia vita. Di ragazze manco a parlarne, ne ho conosciute centinaia ma non sono risultato gradito a nessuna, l’aspetto fisico ha il suo peso e l’insicurezza che dimostro fa tutto il resto. Ho avuto un’esperienza piuttosto brutta, a una cena coi miei colleghi uno di loro disse di volermi presentare una gattara 50enne; al mio rifiuto mi apostrofarono con frasi come “ma chi ti vuole a te?” “ma questa almeno è gratis” “ma cosa vuoi più trovare a quest’età?” Così, ho capito che la mia ricerca del tempo perduto era finita e ho deciso di gettare la spugna. Ora però non so come uscire dalla mia situazione, vorrei poter accettare la mia condizione e vivere senza ansia, se non felice almeno sereno. Ma proprio non mi riesce.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Camilla Serena Inserita il 16/06/2016 - 07:17

Buongiorno,

in base a quello che ha raccontato inerente alla sensazione di disagio, di insoddisfazione e di nullità verso sé stesso che lei prova, può essere la conseguenza di una mancanza di autonomia dovuta a una dipendenza affettiva verso i suoi genitori che non gli ha permesso una sua crescita personale . Questo non vuol dire che è troppo tardi. Può tranquillamente riniziare a farsi una vita sua, però staccandosi dai genitori e, incominciando a prendersi cura di sé stesso e a lavorare sulla sua autostima e, soprattutto a essere una persona autonoma dalla sfera affettiva dei genitori. E' importante cercare di cambiare il proprio punto di vista riguardo a sé stesso e alla vita, vedendo le cose in modo diverso, più funzionale e corrispondente alla realtà . Incominciare a stare bene con sé stessi permette di poter stare bene con l'esterno di vedersi in una prospettiva più positiva e di vivere le relazioni in modo più sereno e soddisfacente.
E' possibile fare questo lavoro con una persona competente che la può aiutare a capire come fare.

Cordiali saluti,
dott.ssa Camilla Serena