Victoria domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 05/02/2016

Perché non riesco a ottenere il massimo all'università?

Sono al terzo anno di università ed è un bel po' di tempo che, pur studiando 7/8 ore al giorno, quando vado all'esame il professore mi mette in difficoltà e mi mette un voto di qualche punto inferiore a 30. La cosa che più di infastidisce è che magari le mie amiche hanno una preparazione inferiore alla mia, ma il professore fa loro domande veramente facili e per questo prendono 30. Sto male, perché mi sembra che non abbia senso studiare! Sono sempre io la sfigata della situazione! Sono mesi che non esco da un esame soddisfatta. E sono mesi che non prendo un 30. Mi convinco che non devo stare male, ma questa situazione mi sta diventando veramente stretta.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Bua Inserita il 07/02/2016 - 15:22

Gentile Victoria,
il modo in cui raccontiamo noi stessi e gli eventi che ci accadono è di fondamentale importanza. Nel tuo messaggio sembra che la responsabilità del tuo voto e di quello delle tue amiche all'esame sia "sbilanciata" dalla parte del docente, al quale viene ricondotta la totale responsabilità del successo/insuccesso. Rappresentandoti così la situazione, ti togli però anche la possibilità di poter agire un cambiamento: purtroppo non hai alcun "potere" sul professore e sui quesiti che egli porrà! Hai invece "potere" su te stessa, sul tuo metodo di studio, sulla tua capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati. Solo con un cambio di prospettiva potrai darti la possibilità di esplorare meglio questa difficoltà e provare a capire come migliorare la situazione, magari consultando uno psicologo. Per qualsiasi informazione rimango a tua disposizione.

Cari saluti
Dott.ssa Valentina Bua
Psicologa
Roma

Dott.ssa Cinzia Marzero Inserita il 06/02/2016 - 09:27

Buongiorno Victoria, purtroppo quando si va a dare un esame entrano in gioco diverse variabili che incidono sulla riuscita o meno, non solo la preparazione, ma anche il tipo di domande fatte, il carattere del docente e non ultima la fortuna. E la maggior parte di queste cose tu ne le puoi controllare nè prevedere. MI sembra da quello che scrivi, che tu faccia coincidere il 30 con il grado di stima che hai di te stessa...se non riesci ad arrivare al massimo delle tue possibilità ti metti in discussione uscendone sconfitta, come se non valessi. Questo è molto rischioso ed è una convinzione errata. Tu vali a prescindere dal risultato raggiunto. Non si può pretendere da se stessi di essere sempre al top. Rincorrere la perfezione è molto stressante. Il mio consiglio è di riflettere su questo ed eventualmente parlarne con uno psicologo della tua zona o attraverso una consulenza on line per rafforzare la tua autostima e approcciarti all'università in modo più sereno. Se hai bisogno sono disponibile on line.

Dott.ssa Cinzia Marzero psicologa psicoterapeuta
Moncalieri - Villastellone (TO)