Anna domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 01/10/2015

Salerno

Depression post fine relazione e ansia da abbandono

Salve,
Sona una ragazza di 22 anni e più di 3 mesi fa sono stata lasciata dal mio ex ragazzo dopo 6 mesi di relazione.
Senza un motivo valido,senza una spiegazione.
Ero consapevole che c'erano problemi nella coppia,ma non ho mai pensato ad un distacco così improvviso.Io ero innamoratissima.
Sono sempre stata una ragazza mite,comprensiva,calma nel complesso,ma in quell'occasione sono letteralmente caduta a pezzi ed ho cominciato a cercare di risanare qualcosa che probabilmente non aveva più nulla da risanare.
Da 3 mesi a questa parte sembra che stia vivendo la vita di qualcun'altro; sono depressa, sto vivendo come un'ameba, ho perso la voglia di studiare (frequento l'università), la voglia di vivere e di fare nuove esperienze, non amorose, in una sfera generale.
Ho perso interesse in tutto ciò che mi piaceva fare, non riesco a trovare l'imput per andare avanti.
Da qualche giorno ho scoperto che una persona a me molto cara partirà per diversi mesi ed è andato tutto di male in peggio.
Sono stanca di tutto questo, sono stanca di lottare, ho paura di non uscirne più.
Cosa posso fare per provare a stare meglio? Che percorso dovrei fare?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Cinzia Marzero Inserita il 03/10/2015 - 09:05

Cara Anna, dalla fine di una relazione, soprattutto se inaspettata, se ne esce sempre con le ossa rotte. E' come un lutto, per cui ci vuole del tempo per "digerire" la perdita della persona amata. I primi mesi sono sempre molto difficili ma poi poco per volta se ne viene fuori e si ritrova l'interesse per la vita e la voglia di ricominciare. Se per te quasi fase di passaggio è troppo dolorosa, non esitare a contattare un professionista di questa zona che ti possa aiutare a superare questo momento e a gestire la mancanza della persona amata. In bocca al lupo. Resto a tua disposizione.

Cinzia Marzero Psicologa Psicoterapeuta
Torino

Dott.ssa Roberta Oliva Inserita il 01/10/2015 - 16:20

Salve Anna. La fine di una relazione è paragonabile ad un lutto: va elaborata la perdita di una persona cara, va riassestato il proprio modo di vivere senza quella persona; non è certo un percorso facile e immediato. Ognuno ha i propri modi e tempi per farlo e come non esiste un modo univoco di reagire, non esiste un rimedio univoco. Molto importante è il lasciarsi aiutare, non isolarsi, avere vicino familiari e amici. Se la situazione non migliora, non riesce a riprendere le sue attività, i suoi studi, il piacere di fare, potrebbe pensare di rivolgersi ad un professionista che la aiuti a vedere da un'altra prospettiva, con cui affrontare un percorso di elaborazione sano della separazione.