Rosa  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 24/07/2020

Latina

Soffro di attacchi di panino e ansia solo quando vedo la famiglia del mio fidanzato.

Sono una ragazza di 22 anni e sono fidanzata da 3 anni. Purtroppo io e lui non abitavamo vicino quindi io 1 volta ogni 1-2 mesi salivo da lui, sempre con il permesso della famiglia e solo per qualche settimana.Fin dall’inizio la sua famiglia non ha mai accettato la nostra relazione e non ha perso tempo per farmi vivere un vero inferno in quella casa.
Mi minacciavano, mi denigravano, quando lui andava a lavoro la madre entrava in camera mia e mi chiamava puttana, la sorella sempre in mezzo e continuamente andava da lui per parlare male di me. Mi hanno fatto piangere quasi tutte le sere, volevo scappare da quella situazione ma il mio fidanzato mi diceva di aspettare che c’è ne saremmo andati perché nemmeno lui voleva stare più in quella casa. Alla fine ce ne siamo andati da quella casa ma ad oggi ho attacchi di panico se li incontro, ansia non riesco proprio a sopportarli. Provo odio nei loro confronti ma allo stesso tempo sto male, non riesco a superare questa situazione. Io in passato ho provato a riappacificare con loro ma non vogliono che suo figlio sta con me quindi ogni volta era tutto inutile. Il mio fidanzato ha un buon rapporto ad oggi con loro nonostante anche quello che hanno fatto a lui e a me, ma io ho attacchi di panico solo a vederle o sentirle. Non so come superare la situazione è un qualcosa che non controllo, penso solo di lasciare il mio fidanzato ma non riesco perché lo amo.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valeria Ricci Inserita il 24/07/2020 - 16:01

Gentile Rosa la situazione che ha descritto non è di certo facile da dipanare, quindi non mi sorprende che lei abbia molta ansia quando deve affrontarla. Se come lei racconta, il tentativo di parlare con sua "suocera" e sua "cognata" non ha prodotto alcun esito (e non mi sorprende vista la durezza delle parole che le rivolgono) potrebbe far comprendere al suo fidanzato il disagio che talei atteggiamenti le hanno creato e lasciare che sia lui a risolvere la situazione, a farla sentire protetta. Se poi lui non ne è in grado, sarà necessario riflettere su cosa lei vuole da una relazione di coppia e da questa in particolare, magari con l'aiuto di un esperto. Cosa significa per lei sentirsi amata. Buona fortuna! Dottoressa Valeria Ricci