Matteo  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 26/12/2019

Agrigento

Problemi d'ansia

Buonasera , ho 22 anni vi scrivo perché sono indeciso se iniziare una terapia o meno.
Partiamo dal presupposto che Non so bene cosa voglio fare nella vita e inoltre ho momenti in cui mi sento parecchio giù e ho dei blocchi emotivi ,mi sento quasi lievemente depresso .
Con molte persone sono chiuso e introverso (non tutti) e per questo non riesco a instaurare relazioni "vere" ... nonostante abbiamo diversi amici , con nessuno di questi riesco ad aprirmi completamente .
Sono un ragazzo al quale piace avere a relazioni vere , e tra impegni lavorativi e altro sento che mi sto allontanando da alcune persone .
Ci sono momenti in cui ho veri blocchi emotivi in cui non riesco a pensare lucidamente ,quasi non riesco a fare un discorso con un senso , forse a causa della mia presunta “ansia sociale “ se così posso definirla . Alcune volte sento di indossare una maschera per apparire come la società vorrebbe vedermi e questo mi sta fare molto male . Ultimamente sto uscendo anche poco !
Forse avrei bisogno di una ragazza per svagarmi un po’ ,ma tutti questi blocchi/ansie mi inibiscono con l’altra sesso ,nonostante a detta di tutti non sia per nulla un brutto ragazzo!!
Mi sento troppo condizionato dal giudizio altrui e mi sento spesso "sotto osservazione" e tutto ciò non ha senso.
Lavoro da impiegato , peró sul posto di lavoro non mi trovo bene : Ho tante ambizioni lavorative ,ma la paura del giudizio e la timidezza con i miei colleghi mi blocca.
Tutta questa situazione si è palesata in modo evidente quando a marzo2019 mi ha lasciato la ragazza.
Non lo so , forse esagero , però mi piacerebbe avere un parere da una persona esperta che mi consigli se conviene iniziare un percorso terapeutico oppure sono io che reagisco male a cose abbastanza comuni .
Grazie e saluti.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Bonaria Peri Inserita il 30/12/2019 - 00:13

Buonasera dalla sua domanda si avverte un forte disagio. Credo sia importante per Lei approfondire questa "inibizione " come la definisce e fare un percorso di terapia centrato sulla sua autostima. Si avverte una certa insicurezza nel suo scrivere e inoltre bisognerebbe approfondire se il fatto di aver rotto con la sua ragazza sia stato traumatico per Lei.
Le consiglio di rivolgersi a uno psicologo psicoterapeuta che la possa aiutare a chiarire questi punti.
Cordiali saluti dott.ssa Peri Bonaria psicologa psicoterapeuta Marina di Massa