articoli di psicologia della Dott.ssa Francesca Maria Barbaro

risposte dello specialista Francesca Maria Barbaro

 5  risposte
  Vis. Profilo

Difficoltà a gestire una relazione extraconiugale

Apri domanda

Gentile Emmaro, sicuramente la sua situazione non è per nulla semplice, ma quello che mi colpisce di più è lo stato della sua relazione con suo marito: capire primariamente come si vuole portare avanti quella relazione (risolvendola o capendo quali sono gli aspetti che maggiormente la tengono ancorata), può essere un grande passo avanti per mettere un punto fermo in queste burrascose relazioni. Riflettere su come si sente lei all'interno di questi rapporti e capire magari insieme a un esperto quali possono essere le sue risorse da mettere in campo per riuscire a vivere appieno una relazione sentimentale, saranno degli step che la potranno aiutare. Un caro saluto, dott.ssa Francesca M. Barbaro - psicologa psicoterapeuta...

Come aiutare psicologicamente un malato

Apri domanda

Cara Carmen, sento molto vivo il suo dolore e possa capire il suo pensiero fisso e ricorrente di riuscire a fare qualcosa per fare stare meglio sua madre. Di sicuro già sta facendo un sacco di cose per starle accanto e farle sentire la sua presenza. Sicuramente un medico che la sta seguendo avrà in mente degli step che sua madre deve fare per gestire al meglio la sua malattia, aiutata e supportata dalla famiglia. Quello che le chiedo invece è: chi sta aiutando lei a gestire questo enorme peso? Penso che affidarsi a un esperto con cui condividere le sue paure e intraprendere un percorso specifico individuale possa aiutarla a prendere contatto con le sue risorse, soprattutto in una situazione delicata come questa in cui non c'è solo un familiare da accudire con un importante malattia, ma questo familiare è la propria madre, con cui il rapporto è molto forte. Un caro saluto, dott.ssa Francesca M. Barbaro - psicologa psicoterapeuta...

Comportamento incomprensibile del mio ex

Apri domanda

Gentile Annamaria, dalle sue parole traspare molta confusione, in primis che figura è per lei il suo ex: dopo 14 anni vi siete lasciati e lui è tornato a vivere con i suoi. Come si è sentita rispetto a questa decisione? Che riflessioni ha fatto rispetto al significato che aveva questa relazione per lei? Probabilmente la fine di questo rapporto ha avuto delle importanti ripercussioni sulla vita di quest'uomo, che hanno aumentato un suo probabile senso di confusione. Lei invece, vuole rimanere appesa? Quale è il suo ruolo in questo rapporto? Molte domande a cui potrebbe cercare di rispondere tramite un percorso con un professionista della sua città, con cui magari cercare di capire meglio il peso di questa persona nella sua vita e cosa magari si aspetta ancora da lui. Le mando un caro saluto, dott.ssa Francesca M. Barbaro - psicologa psicoterapeuta...

Gravidanza indesiderata

Apri domanda

Gentile Elena, la sua richiesta d'aiuto è senza dubbio forte e dolorosa e necessita di un accompagnamento specifico. Quello che mi sento di poterle consigliare è di parlare con il suo compagno, per riuscire insieme a parlare delle emozioni che vi toccano, cercando di arrivare a una condivisione insieme. Inoltre potete appoggiarvi a un consultorio sul territorio dove troverete dei professionisti preparati, per poter affrontare questa problematica. Un caro saluto, dott.ssa Francesca M. Barbaro - psicologa psicoterapeuta...

Non riesco più a studiare

Apri domanda

Gentile Viviana, innanzitutto brava! Quello che sta passando e da cui sta uscendo è un momento difficile e in cui riuscire a tirare fuori tutte le proprie risorse e andare avanti nella propria strada a volte può mettere molto alla prova. Racconta che è riuscita a trovare il proprio sogno e infatti lo insegue strenuamente: un primo passo però per pensare veramente di essere capaci è essere contenti dei risultati che si ottengono, non accontentandosi. In questo modo si pensa sempre di non aver fatto abbastanza, aver deluso qualcuno, non essere all'altezza di.. ed è quello infatti che la mette in forte competizione - negativa- con le sue colleghe. Rispetto alla sua ansia di non farcela a dare tutto per tutto, ha mai provato a pensare e a lavorare sul pensiero "riuscirò a fare quello per cui mi sono preparata e prenderò spunto per colmare le mie lacune, ricordandomi che non è attraverso il confronto con gli altri che posso dare il meglio"? Penso che affrontare questo aspetto anche rispetto al suo passato possa esserle d'aiuto. Le auguro una buona giornata, dr.ssa Francesca Barbaro, psicologa psicoterapeuta Mestre- Venezia...