Veronica  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 09/05/2018

Modena

Rapporti sessuali di coppia - calo del desiderio

Buongiorno, sto insieme ad un ragazzo da circa 1 anno, storia partita alla grande sin dal principio grazie ad una forte connessione mentale.. il nostro rapporto non fa che migliorare quindi non posso lamentarmi, siamo sempre più intimi e l'amore nell'aria si avverte costantemente. Ciò che è cambiato molto sono i nostri rapporti sessuali, premetto che non ho nulla da dire del rapporto in se, anzi è la prima persona con la quale riesco ad avere sempre un orgasmo e il suo piacere è evidente tanto che mi dice spesso che sembra essere tornato a 15 anni (ne ha 30) perche non riesce a trattenersi, il punto è che da qualche mese lo facciamo molto meno e sembra quasi che lui non ne senta così tanto la necessità, poi quando siamo li ovviamente è voglioso, lui attribuisce la colpa alla stanchezza perché effettivamente ultimamente lavora moltissimo e ha tanti pensieri personali, in più ha agginto che è la prima volta che vive una relazione come la nostra e anche se il sesso gli piace molto non è in effetti una cosa alla quale pensa così spesso. Siamo arrivati a stare anche un paio di settimane senza farlo (caso estremo, se no ora 1 volta alla settimana/10 giorni max) anche se ci facciamo un sacco di coccole che lui sembra gradire tantissimo da creargli davvero serenità..gli ho anche chiesto se prova attrazione fisica ancora nei miei confronti e lui dice che non è cambiato nulla e anzi come posso notare durante il sesso gli piaccio molto e anche troppo.... mi chiedo... Non è in realtà un grosso problema per me dato che la storia va bene e quando abbiamo rapporti sto benissimo, può capitare che una volta vorrei ma lui non è per la quale ma magari potrebbe succedere anche il contrario quindi non sto a contestare.. la domanda è.. si può considerare normale o è impossibile che lui abbia avuto questo calo considerando la situazione generale? e allora da cosa può dipendere?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 10/05/2018 - 10:34

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Veronica,
da ciò che narra, mi sembra di capire che il suo malessere si collochi nella difficoltà ad accettare una situazione "down" rispetto ad uno standard elevato di prestazioni. Cosa le suscita questa circostanza? In generale, esulando dall'episodio specifico, come affronta situazioni in cui si verifica un abbassamento del livello standard a cui è abituata? é rassicurata dal mantenimento di standarda elevati?
Inoltre è importante per lei interrogarsi sul concetto di "normalità" perchè è proprio da questa idea che possono sorgere dubbi o titubanze.
Ci pensi
Cordialmente
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)

Dott.ssa Emanuela Mezzani Inserita il 09/05/2018 - 19:46

Buonasera Veronica,
come dice lei l'intimità, in generale, ha dimensioni diverse, una è proprio quella sessuale che come le altre non è isolata dal contesto e in essa confluiscono molti elementi bio-psico-sociali, non per ultimo lo stato emotivo e motivazionale. Se siamo stanchi e soffriamo di qualche forma d'ansia, è frequente che la libido ne risenta (ad esempio). L'atto sessuale in sé risponde a meccanismi ben più complessi di quelli che in genere si considera, per questo sono fondamentali gli aspetti che ruotano attorno alla sessualità, come la comunicazione, il senso di sicurezza della relazione, la voglia di stare insieme..... in poche parole l'intimità. E questa sembra tra voi elemento imprescindibile e molto presente. L'aspetto che forse deve analizzare è la sua risposta a questo cambiamento, come lo sta vivendo e a che vissuti ed esperienze del passato è collegato il disagio che avverte che oscilla (mi sembra di capire) tra un senso di soddisfazione generale nella relazione, e di insoddisfazione che come un fiume carsico si fa spazio dentro di lei. A disposizione.
saluti