Sonia domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 28/12/2017

Milano

La gelosia ha distrutto il mio rapporto amoroso

Gentili psicologi, sono una ragazza di 28 anni, laureata convivente, però sono verso la fine di un rapporto molto importante che ho contribuito a rovinare io stessa in gran parte per colpa della mia gelosia.
Come posso capire l'origine di questa gelosia?
Quando c'è un'altra donna ed è presente il mio compagno mi sento una totale nullità in confronto alla donna e nella mia mente non riesco a reggere un minimo di confronto, quindi percepisco subito l'altra donna come un pericolo per la persona di cui sono innamorata. Secondo il giudizio degli altri sono una ragazza molto bella e intelligente ma questo non mi aiuta per niente ad avere fiducia in me stessa. Per l'insicurezza e la paura sono arrivata a voler controllare tante cose della vita del mio ragazzo (quasi ex ormai): email, poste, telefono, compagnie di amici. Per ottenere i suoi spazi (legittimi) il mio ragazzo ha spesso scoppi di ira e di tristezza in cui mi dichiara che si sente soffocato e controllato e non ha più gioia di fare nulla con gli altri. Tutta questa vicenda ci ha fatto soffrire moltissimo, ma siccome siamo (o eravamo) molto innamorati abbiamo "resistito" per 5 anni insieme (4 anni di convivenza). Adesso siamo sull'orlo di una crisi che dura da 5 anni e ci stiamo praticamente lasciando con grandissima amarezza e tristezza.
Come faccio a capire perché provo così un grande senso di inadeguatezza se mi confronto con un'altra donna? Come faccio a liberarmi da questa prigione della possessività e della gelosia? E anche se lasciassi questo ragazzo come faccio a sapere se non soffrirò ancora per questo atteggiamento? Sono veramente molto delusa da me stessa e disperata.
Grazie in anticipo per la gentilezza e per la disponibilità,
Cordialmente,
Sonia

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Silvana Zito Inserita il 29/12/2017 - 17:33

Gentile Sonia,
lei parla soggezione al confronto ed esprime un mix emozionale composto da sensi colpa, paura della perdita del compagno, tristezza e gelosia (che è un'emozione secondaria alla rabbia).

Dovrebbe indagare e capire da dove viene questa insicurezza implicita, per quanto mi sembra di capire, non è apparente nella stessa misura dal punto di vista esplicito.

Le consiglio pertanto di rivolgersi ad uno specialista e indagare, tra l'altro, se ci sono tratti personologici che orientano il suo carattere in modo tale da non riuscire a modificare le situazioni che le stanno a cuore.

Dott. Giorgio Espugnatore Inserita il 29/12/2017 - 16:01

Buona sera Sonia e grazie di aver scritto.
Per risponderle vorrei partire da una domanda che lei ha scritto. Come posso capire l'origine di questa gelosia?
La gelosia, così come tutte le emozioni e sensazioni che proviamo nascono da noi stessi e solo successivamente gli attribuiamo un valore. Insieme alla gelosia descrive altre emozioni quali: paura , amarezza, tristezza ma sopratutto l' insicurezza che, come lei stessa scrive, l'ha portata a mettere in atto una serie di comportamenti controllanti. Allora le rigiro la domanda; Da cosa pensa nasca questa sua insicurezza?
L'essere umano è sempre in relazione almeno su due piani: relazione con gli altri e relazione con se stessi. Per poter stare serenamente e in modo costruttivo in una relazione di coppia è fondamentale star bene con se stessi, conoscendo i propri punti di forza e debolezza ed essendo pronti a metterli in gioco con l'altro. Affidarsi a l'altro e fidarsi di se stessi sono due azioni che si alimentano a vicenda e che aiutano a far cresce l'individuo e la coppia. Per rispondere alle ultime sue domande(come faccio a liberarmi della possessività, della gelosia, se soffrirò ancora, ecc..) , personalmente non credo che ci siano risposte facili, ma con il tempo( che non è quantificabile), con una lavoro su se stessi con l'aiuto di uno psicologo e\o psicoterapeuta potrà scoprire se stessa e trovare le sue risposte e soluzioni.
Cordiali saluti
Dott Giorgio Espugnatore